Home Cultura

La cura del bambino: come capire le sue esigenze primarie

CONDIVIDI
cura del bambino
la cura del bambino (Istock Photos)

La  cura del bambino nei primi giorni di vita: come capire le sue esigenze primarie e soddisfarle nel modo migliore

La cura del bambino è indubbiamente, per ogni genitore, la cosa più importante da fare. Prendersi cura del proprio figlio nel migliore dei modi è ciò a cui aspirano tutti i neo genitori ma, non sempre è facile capire le esigenze  primarie di un neonato e, soddisfarle prontamente, diventa, nei primi giorni, un terno a lotto.

Ogni madre, ogni padre, ha la sua storia di genitorialità unica, ottenuta attraverso l’esperienza con il proprio figlio. Nonostante questa conoscenza personale, in certe occasioni i genitori cercano consiglio pratico e la rassicurazione di esperti e operatori sanitari, contattandoli direttamente o consultando manuali o siti internet.

Potrebbe interessarti anche: Prendersi cura del bimbo: il sonno e il rituale della buonanotte

Spesso, però, ci si trova davanti a indicazioni contrastanti: c’è chi sostiene l’idea di lasciarli piangere e chi, al contrario sottolineavano l’importanza di soddisfare tutti i suoi bisogni al primo accenno di pianto. Insomma, a volte, essere genitore non è facile ed oggi, appunto ci  occupiamo di capire – o almeno ci proviamo – le esigenze basiche che un bambino in fasce ha e come soddisfarle nel modo più semplice possibile, semplicemente con l’attenzione dovuta e l’ascolto.

Potrebbe interessarti anche: Come prendersi cura del neonato: dal cambio pannolino ai vestiti

Le esigenze primarie del neonato: come soddisfarle

cura del neonato
cura del bambino piccolo (Istock Photos)

Il vostro bambino appena nato avrà temperamento, personalità e bisogni tutti propri e forse occorrerà un poco di tempo per conoscerlo bene. Tuttavia, siate certi, che con il tempo imparerete a capire le sue esigenze e a trattarlo con competenza e sicurezza.  Ma quali sono le esigenze primarie di un bebè?

Potrebbe interessarti anche: Come curare l’igiene del neonato: consigli per le neomamme

  • Domandarsi se il bambino è a proprio agio: una delle cose più importanti da considerare quando ci si occupa per la prima volta di un neonato è il suo Fare in modo che il bambino sia sazio, abbia il pannolino pulito, sia vestito e coperto correttamente, riceva gli stimoli, l’amore e l’attenzione di cui ha bisogno, lo renderà sereno e capace di cresce e svilupparsi nonché, gli permetterà di concentrarsi sul mondo che lo circonda. Ogni bambino, compreso il vostro ovviamente, ha bisogni diversi e voi scoprirete quelli di vostro figlio solo conoscendolo meglio. I gesti fondamentali quotidiani compiuti per alimentarlo bene, tenerlo in modo che sia comodo, aiutarlo a liberarsi dell’aria nel pancino, fargli il bagno regolarmente, garantirgli tante ore di sonno in una ambiente tranquillo, vestirlo con gli indumenti adeguati, faciliteranno molto il compito di farlo stare comodo e contento. Infatti, un bimbo che sta a proprio agio, è un bimbo ben accudito che sta bene.
  • La sicurezza: la sicurezza di vostro figlio, mantenerlo sano e felice è la prima vostra preoccupazione da genitori e, come tutti i genitori, desiderate solo il meglio per lui/lei. Ogni cosa che fate per il nuovo arrivato, malgrado delusioni e fatiche immense, risplende del vostro infinito amore per lui: più il neonato sente il vostro amore, il vostro affetto, più si sentirà al sicuro e, di conseguenza soddisfatto. È, altresì importante ricordare, tuttavia, che la sicurezza del bambino deve avere la massima priorità. Il modo in cui lo maneggiate, costruite il suo ambiente circostante, gli fate il bagnetto e lo vestite, persino come farlo divertire, deve avere come presupposto assoluto la scrupolosa attenzione alla sua sicurezza. Proteggere il neonato dai possibili pericoli nella vita di tutti i giorni, avrà un duplice esito: rasserenerà il tuo bambino e conseguentemente sarete più sereni voi.
  • Acquisire le basi elementari: acquisire la padronanza delle operazioni più elementari nella cura del neonato vi può semplificare il compito, perché vi rilassa e vi dà fiducia. Ogni è un caso unico e a se e, non esistono tecniche che funzionano per tutti o in qualsiasi caso ma, se avete un’idea chiara di qual è il modo migliore per accudire il vostro pargoletto, fargli il bagno con un rito tutto vostro, curargli la bocca e la pelle, assisterlo quando è ammalato, tutto andrà liscio come l’olio. Soprattutto fidatevi del vostro istinto genitoriale, specie voi mamme e, non lasciatevi prendere dal panico se le cose non vanno proprio come avevate previsto o non vi sentite sicuri delle vostre qualità di genitori. Ricordatevi che vostro figlio ha solo bisogno dell’amore e della sicurezza da un genitore, così un bambino amato e accudito, sarà per definizione, un bambino felice.
  • Organizzazione del tempo: prima di avere un bambino, la vostra idea di giornata e del tempo era completamente diversa da ora che, in casa è entrato a far parte una nuova vita. se prima ogni giorno era diverso dall’altro e scandito con tempi diversi, ora, non sarà più così. Forse ve ne siete già resi conto, ma un bambino, per crescere serenamente e al sicuro, ha bisogno di una routine che sia sempre la stessa, giorno dopo giorno. Quindi, organizzatevi il tempo. C’è da dire che, anche quando avrete organizzato le vostre giornate ed il vostro tempo sulla base delle esigenze di vostro figlio e sembra che tutto vada bene, non vi scoraggiate se, all’improvviso, vostro figlio cambia questa routine ben organizzata. I bambini piccoli, crescono velocemente, quindi ciò che può andare bene un mese, magari il mese successivo non va modificato. Questo perché le abitudini del bebè si modificano: per esempio, se prima si svegliava ogni due/tre ore per la poppata, con il passare del tempo, anche a distanza di un mese, tenderà a dormire di più e a svegliarsi di meno, e via dicendo. Organizzate dunque il vostro tempo in relazione ai suoi bisogni e ai suoi cambiamenti costanti. Dedicare qualche momento a organizzare voi stessi il corredo del bambino può fare una differenza enorme in come vi sentite e ve la cavate. In effetti, pochi minuti spesi per riordinare la borsa per il cambio, preparare l’asciugamano e la tutina prima di fargli il bagno, verificare che ci sia l’acqua calda prima di cambiargli il pannolino, vi aiuteranno ad avere sotto controllo la sua cura quotidiana e vi permetteranno di apprezzare il piacere di essere genitori.
  • Giocateci insieme: prendersi cura di un bambino vuol anche dire giocarci insieme e godervi ogni istante ludico con lui. Se prima di vostro figlio eravate persone organizzate, precise, ordinate e ambiziose, forse ora vi tormenta l’idea che la casa sia sottosopra, il frigo sia vuoto, la lista delle cose da fare si allunga inesorabilmente, mentre a voi sembra di non fare altro che cambiare, nutrire e cullare vostro figlio per ore e ore. Non fatevi venire l’ansia e non pensateci più. ora è difficile crederlo ma, vostro figlio crescerà e cambierà in fretta, per cui è importante assaporare ogni istante di questo meraviglioso processo. Non importa cosa facevate prima o come vi eravate organizzata la vita: il vostro nuovo compito, ora, è occuparvi di vostro figlio e questo comprende renderlo sicuro, felice e a suo agio per tutto il tempo che occorre, sempre. Cercate di allentare la tensione e riducete gli obiettivi da raggiungere giorno per giorno. Accorciate la lista delle cose da fare e concentratevi, invece, su ciò che conta davvero: cioè accudire vostro figlio. Un bambino sano e felice vale molto di più di una casa perfettamente in rodine. Immergetevi nell’esperienza di essere genitori e godete delle piccole cose, che sono le più importanti, come il piacere di stringerlo a voi, accarezzarlo, parlagli amorevolmente e guardarlo negli occhi. Il suo sguardo vi conquisterà come mai nessuno farà nella vostra vita, l’odore della sua pelle sarà il profumo più buono che sentirete.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la cura del tuo bambino, la maternità e tutto su come essere bravi genitori CLICCA QUI!

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI