Dismenorrea: cos’è e come riconoscerne i sintomi

Tutto ciò che c’è da sapere sulla dismenorrea e sui sintomi più comuni di questo problema che affligge ogni mese molte donne.

dismenorrea
Fonte: IStock

Molte donne conoscono già questo termine, altre ne hanno i sintomi quasi ogni mese senza sapere di cosa si tratta, stiamo parlando della dismenorrea, ovvero l’insieme di disturbi che accompagnano il ciclo mestruale.
Quasi ogni donna, ogni mese, si trova a combattere con senso di stanchezza, emicrania, tensione al seno, mal di pancia e nausee. Si tratta di alcuni dei tanti sintomi che accompagnano il ciclo mestruale e che se per alcune sono di entità lieve per altre si presentano in modo insopportabile, rendendo parecchio difficile svolgere una vita normale in quei giorni. Visto che a suo modo si tratta di una sorta di patologia che è possibile dividere in primaria e secondaria, oggi proveremo a capire di cosa si tratta esattamente, come riconoscerla e cosa fare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dì addio ai dolori mestruali con lo zenzero

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la salute ed il benessere psicofisico CLICCA QUI!

Dismenorrea, ecco come riconoscerla

dismenorrea
Fonte: Istock

La dismenorrea è un problema abbastanza comune tra le donne, circa il 60% infatti ne soffre quasi ogni mese, accusando crampi all’addome, nausea, stanchezza, mal di testa e dolori vari per i quali tante volte si tende a ricorrere a dei farmaci da banco.
Prima di tutto è importante non sottovalutare ogni forma di dolore giustificandola come normale conseguenza del ciclo.
La dismenorrea infatti può essere primaria e secondaria.
Se nel primo caso (quello di cui stiamo appunto parlando) non c’è nulla di cui preoccuparsi, nel secondo caso, e quindi nella dismenorrea secondaria, le cause possono essere legate non solo al ciclo ma anche a problemi legati al sistema riproduttivo come ad esempio l’endometriosi, i fibromi uterini o malattie infiammatorie e di altro tipo. In caso di dolori persistenti e prolungati è quindi opportuno farsi visitare da un medico in modo da risalire alla causa e porre in atto le cure più opportune.
Tornando alla dismenorrea primaria, quella che quindi è semplicemente legata al ciclo, i sintomi sono:

  • Emicrania
  • Dolore al basso ventre
  • Dolore nella parte bassa della schiena
  • Sensibilità nell’interno cosce
  • Senso di spossatezza
  • Nausea
  • Giramenti di testa se il flusso è abbondante

In caso di dolori forti ma non gravi, solitamente si può assumere un leggero analgesico.
Prima di ricorrere ai farmaci si può optare per una borsa dell’acqua calda o per degli impacchi a base di acqua calda e zenzero.
È inoltre opportuno stare a riposo e in una posizione sufficientemente comoda, evitare cibi salati o eccitanti (come tè o caffè) e bere del latte caldo con miele che in alcuni casi dona un senso di piacevole sollievo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Cistite: riconoscila e sconfiggila con i rimedi naturali più efficaci

Se il malessere si presenta più forte del solito o tende a non passare nei classici due o tre giorni è meglio farsi visitare dal medico. In caso di forte mal di pancia, può essere inoltre opportuno appurare che il problema sia effettivamente il ciclo e che non si tratti invece di altri problemi come calcoli o appendicite. Anche in questo caso, una visita può essere risolutiva per togliersi ogni dubbio e curarsi nel modo più opportuno.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI