Matteo Renzi, genitori agli arresti domiciliari: “provvedimento assurdo”

Arresti domiciliari per i genitori di Matteo Renzi. L’ex premier annulla la conferenza stampa e dichiara di attendere il processo.

Bancarotta fraudolenta e per emissione e utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti.

Queste le accuse che sono costate ai genitori di Matteo Renzi, ex premier, la condanna agli arresti domiciliari.

L’ex premier ha bollato il provvedimento come “assurdo e sproporzionato” e ha annullato la conferenza stampa prevista in Senato per oggi alle 16 per parlare attraverso l’enews in mattinata.

Se vuoi rimanere aggiornata sull’attualità e le ultimissime news di politica ma non solo CLICCA QUI

I genitori di Matteo Renzi agli arresti domiciliari

Matteo Renzi genitori
Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images

“[…] Ho molta fiducia nella giustizia italiana e penso che tutti i cittadini siano uguali davanti alla Legge. Dunque sono impaziente di assistere al processo. Perché chi ha letto le carte mi garantisce di non aver mai visto un provvedimento così assurdo e sproporzionato. Mai.
Adesso chi crede nella giustizia aspetta le sentenze. Io credo nella giustizia italiana e lo dico oggi, con rispetto profondo, da servitore dello stato.[…]”

Con queste parole Matteo Renzi ha commentato il provvedimento che ha colpito i propri genitori oltre all’imprenditore ligure Mariano Massone.

Le ipotesi di reato contestate riguardano da un lato l’emissione, tra il 2013 e il 2018, di fatture per operazioni inesistenti all’interno di una delle società e, dall’altro, un’ipotesi di bancarotta fraudolenta che sarebbe stata commessa per le due altre società cooperative tra il 2010 e il 2013.

Altre cinque persone sono ad oggi indagate ma intanto il gip di Firenze ha imposto gli arresti domiciliari a Mariano MassoneTiziano Renzi e Laura Bovoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Matteo Renzi, L’intervista: “Quando ho pianto per mia moglie Agnese”

Si attendono ora gli inevitabili sviluppi processuali ma intano Matteo Renzi garantisce:

“[…] I miei genitori si difenderanno in aula, come tutti i cittadini. Io continuerò a combattere per questo Paese, forte della mia onestà. Forte delle mie idee. Forte dell’affetto di tanta gente che sa perfettamente che cosa sta accadendo.”

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI