Home Psiche

Ecco cosa accade ogni volta che dici una bugia

CONDIVIDI

Scopri come resta il segno ogni volta che dici una bugia.

Chi non ha mai detto almeno una bugia? Mentire, spesso, serve per trarsi d’impiccio da una situazione scomoda o per tagliar corto nel corso di una conversazione che non si ha voglia di proseguire. Certo, a volte le bugie si fanno grosse e hanno scopi poco nobili e volti a ferire o a nascondere cose anche importanti agli altri. Al di là dei motivi che possono spingere a dire una menzogna, ciò che è importante comprendere è che chi mente lascia il segno. Come? Attraverso il cervello.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Depressione natalizia: 10 dritte che ti aiuteranno a sconfiggerla

Dire bugie viene codificato dal cervello ed è tracciabile

donna bugiarda
Fonte: Istock

Fino a ieri le bugie avevano le gambe corte, da oggi però lasciano anche le impronte.
A scoprirlo e renderlo noto sono state delle ricercatrici del dipartimento di psicologia dell’Università Bicocca di Milano, scoprendo delle aree del cervello che si attivano proprio quando si mente.
La scoperta è stata fatta fotografando il cervello di alcune persone mentre erano intente a dire una bugia. Attraverso questa tecnica, che si chiama “imaging neurale” hanno così trovato un metodo per riconoscere un bugiardo, certo ammesso che mentre mente si faccia fotografare il cervello.
Ma cosa accade esattamente nel cervello?

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la psiche e le ultime scoperte in campo scientifico CLICCA QUI!

Quando si dice una bugia il cervello produce una particolare risposta di tipo bioelettrico che ha il nome di N400 e che serve a sopprimere l’informazione che si sta cercando di occultare. In questo modo appare una vera e propria impronta a livello cerebrale che smaschera chi sta cercando di cambiare la verità.
Forse tutto ciò non sarà utile nella vita di tutti i giorni ma resta pur vero che la scoperta ha una sua importanza in quanto può essere applicata in altri campi.
Uno per tutti? Potrebbe sostituire o affiancare la classica macchina della verità consentendo di capire subito se chi viene interrogato sta effettivamente mentendo o se, invece, sta dicendo la verità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Fortuna: 10 trucchi per attirarla

Sarebbe utile capire se è anche possibile distinguere tra le varie entità di bugie, riconoscendo quelle piccole, magari dette a fin di bene e quelle grosse e più macchinose. In ogni caso, quel che è certo è che da oggi, mentire potrebbe non essere più così consigliato.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI