“Ylenia Carrisi e viva” la reazione di Al Bano e Romina

Al Bano Romina Loredana LeccisoFrau Aktuell da un magazine tedesco ha lanciato la notizia che ha scosso l’estate della famiglia Carrisi.

Ylenia, la figlia di Al Bano e Romina Power, potrebbe essere ancora viva.

Non è però la prima volta che si riaccende questo tipo di speranza per la coppia della musica italiana. Questa volta è la stessa Romina che ci spera ancora.

Il settimanale tedesco ha riportato nella giornata di ieri le dichiarazioni di un poliziotto statunitense di New Orleans. Secondo quest’uomo, ci sarebbero nuovi indizi che avrebbero permesso alle indagini di fare alcuni passi in avanti.

Al momento però Al Bano e Romina non confermano e non smentiscono.

Il pubblico vuole Al Bano e Romina ancora insieme

I due, sono dall’inizio dell’estate al centro dell’attenzione di tutti i giornali di musica e gossip. Stanno girando il Mondo intero con i loro concerti che da sempre appassionano il pubblico e in tanti, hanno la speranza che la loro sintonia potesse significare anche un riavvicinamento della coppia più chiacchierata degli ultimi 30 anni.

I due, infatti, divorziarono alcuni anni dopo la scomparsa di Ylenia. Per ora sia Al Bano (che recentemente si è lasciato con Loredana Lecciso) che Romina, negano.

Il pubblico però ci crede ed ha sempre la fiamma accesa per i due: come quella volta in cui ai presenti ad un concerto sembrò che i due si stessero baciando in pubblico.

 

Caso Ylenia Carrisi: La notizia di ieri

La misteriosa scomparsa di Ylenia Carrisi, figlia di Romina ed Albano, ha lasciato un incolmabile vuoto nel cuore dei suoi genitori. Albano Carrisi da qualche anno si è arreso definitivamente arrivando a chiedere ed ottenere nel 2014 una dichiarazione di morte presunta. Diverso il parere di Romina Power che ha più volte dichiarato di essere certa che la figlia sia ancora viva, pochi mesi fa ha anche rivelato di aver sognato che la figlia viva tornasse a casa e questa volta dopo l’ennessima riapertura del caso a seguito di nuovi clamorosi indizi, tutti sono con il fiato sospeso e si augurano che non si tratti dell’ennesimo falso allarme.

Ylenia Carrisi è viva. Abbiamo nuovi indizi su dove si trovi ma non possiamo fornire ulteriori dettagli, visto che l’indagine è ancora in corso”, questa la rivelazione choc di un poliziotto el dipartimento di polizia di New Orleans, riportata sul magazine tedesco Frau Aktuell che fa sperare.

La scomparsa della giovane ragazza, di soli 23 anni, risale ormai a più di 25 anni fa, l’ultima persona che ha visto la ragazza è la titolare dell’hotel di New Orleans in cui alloggiava insieme a Masakela al LeDale un uomo più grande di lei di 20 anni con precedenti penali con il quale aveva intrapreso una relazione.

In quel lontano gennaio del 1994, la ragazza lasciò i suoi oggetti personali in camera ed uscì. Da allora non ebbe più contatti con la sua famiglia.

Nel 1996 un serial killer noto col nome di Happy Face Killer, dichiarò di aver ucciso una ragazza fisicamente corrispondente ad Ylenia Carrisi dopo averle dato un passaggio in autostop. Le successive verifiche effettuate sul cadavere accertarono che il corpo non apparteneva alla Carrisi. Nel 2011 si è assistito ad un’altro indizio bomba dalla Germania. Secondo il settimanale tedesco Freizeit Revue il capo della polizia di New Orleans, avrebbe dichiarato che Ylenia Carrisi era viva e si trovava a Sant’Anthony, un convento greco-ortodosso di Phoenix, in Arizona, ma la notizia non è stata successivamente confermata.

Staremo a vedere se le recenti dichiarazioni sono collegate a quelle del 2011.

Da leggere