Home Gossip

Elena Santarelli: “La parola tumore fa paura. Per Giacomo…”

CONDIVIDI

elena santarelli sbotta su instagram

Lunga confessione di Elena Santarelli ai microfoni di Vanity Fair: la showgirl parla del tumore del figlio Giacomo e della lotta che stanno combattendo.

L’estate 2018 non è come tutte le altre per Elena Santarelli e la sua famiglia che, insieme, stanno combattendo la battaglia più importante: quella contro il tumore che ha colpito il figlio Giacomo. In una lunga intervista rilasciata ai microfoni di Vanity Fair, la showgirl parla della malattia del figlio e di quanto sia difficile cercare di mantenere sempre il sorriso e la positività al punto da non aver mai pianto davanti a lui.

Elena Santarelli: “mi sforzo per non far sentire mio figlio malato”

elena santarelli sfogo su instagram
Elena Santarelli

Dopo aver scoperto la malattia del figlio, Elena Santarelli ha deciso di condividere le sue paure, le sue emozioni e i suoi sentimenti sui social. Una scelta dettata dalla voglia di aiutare la ricerca perchè, ancora oggi, la “parola tumore fa paura”, dichiara la Santarelli a Vanity Fair.

«La parola tumore fa paura, ma ci sono tanti altri reparti in cui la paura della morte è ugualmente forte, se non di più. Tante persone in questi mesi mi hanno scritto “sei straordinaria” o “quanto sei forte” ma non è che sono io così, come me ci sono altre mamme che non hanno la mia visibilità ma che lo sono altrettanto se non si più. La prima reazione che hai da madre è che il tumore vorresti averlo tu. Ma purtroppo non è possibile. Allora capisci che tocca a una mamma essere forte, a quel punto puoi solo reagire. Ti concentri solo sulle cose positive: “C’è la cura?” “Sì”. “benissimo, sorridiamo, e andiamo avanti”».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Elena Santarelli: “niente da dichiarare”, il post che conquista tutti

La showgirl fa di tutto per non far sentire il figlio malato. La Santarelli, infatti, racconta che Giacomo fa tutto ciò che desidera.

“Io a Giacomo faccio fare tutto quello che è possibile. Se non fosse per i capelli non diresti mai che mio figlio ha un tumore. È questa l’unica cosa che un genitore può fare: non farlo sentire malato, non stravolgere la sua vita, non cambiare le sue abitudini. Io sono fortunata perché vedo tanta luce in fondo al tunnel e perché mio figlio è quello di sempre ma con un problema da risolvere”.

Elena, inoltre, spiega quanto sia importante non mettere in pausa la vita per un genitore per far sentire al bambino la normalità anche se ammette che rispetto ad altre famiglie, lei è più fortunata non dovendosi spostare dalla propria città per le cure.

“Giacomo è sempre la priorità ma continuare a lavorare fa bene a me come agli altri genitori. Certo poi ci sono anche quei genitori che per affrontare le cure devono trasferirsi, magari venire a vivere a Roma. In quel caso devi lasciare il tuo paese, la tua casa. Io anche in questo caso sono fortunata. Vede che questa parola torna sempre? Mio figlio è curato nella città in cui viviamo. Forse anche per questo sembro così forte perché in questi mesi ho conosciuto tanti altri genitori che stanno peggio di noi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Emma Marrone: il grande gesto per Elena Santarelli

La Santarelli, poi, rivela qual è la cosa più difficile da affrontare:

“La cosa più difficile non sono le critiche, ma quando un genitore mi scrive: “io ho perso mio figlio, ma sono certa che il tuo ce la farà”. Ecco quella è sempre una pugnalata al cuore”.