Home Salute e Benessere

Non cambi l’intimo ogni giorno? Ecco cosa può succederti

CONDIVIDI

Cambiare l’intimo ogni giorno è importante. Anche perché, in caso contrario, si rischiano diversi problemi… 

Probabilmente non c’è neanche bisogno di dirlo, però forse è meglio dirlo una volta in più: cambiare l’intimo è importante, anzi fondamentale! E non solo per una questione di igiene e di cattivi odori, che sono ovviamente scontatissimi, ma anche per diversi problemi fisici e fisiologici che potrebbero presentarsi nel momento in cui abbiamo la stessa biancheria addosso per troppo tempo. Le mutandine, soprattutto se sono di tessuto sintetico, possono essere degli autentici ricettacoli di batteri, anche per questo è importante scegliere e lavare bene la propria biancheria intima. Sia nella parte anteriore che in quella posteriore, i batteri che si presentano potrebbero essere molteplici, favoriti sia dall’ambiente umido che dall’eccessiva permanenza in quel luogo che non a caso si chiama “intimo”. I batteri poi possono trasferirsi presto sulla pelle, creare irritazioni e tanti tipi di prurito. Ma andiamo a scoprire l’importanza del “cambio d’abito” proprio lì: le possibili situazioni spiacevoli sono tante!

Leggi anche —- > Come lavare la biancheria intima

Cambiarsi l’intimo ogni giorno è importante: in caso contrario ecco cosa si rischia

C’è chi sostiene che non è igienico cambiarsi l’intimo troppo spesso, perché si uccidono i batteri “positivi” che ci proteggono dalle malattie. Sicuramente invece è importante non avere per troppo tempo la stessa biancheria addosso. Il rischio concreto sono ovviamente gli odori sgradevoli, causati da batteri, irritazioni e tutti i materiali sporchi che abbiamo addosso. Attenzione in primo luogo alle irritazioni: se abbiamo prurito tendiamo a grattare, strofinando il tessuto della biancheria sulla pelle. Da lì al rischio di irritazione cutanea è un attimo, e se esagerate si può trasformare anche in dolorosissime piaghe. Fate attenzione!

Importante usare tessuti delicati, non sintetici e ben traspiranti, che lascino respirare la pelle il più possibile. Le irritazioni con conseguente “apertura” della pelle possono dare adito ad infezioni, che con l’umidità che c’è in quella zona possono purtroppo essere all’ordine del giorno. Le infezioni poi possono trasformarsi agevolmente in infezioni del tratto urinario, soprattutto per la donna. La terribile sensazione di bruciore quando si fa la pipì, il prurito o peggio ancora le malattie infettive della cavità vaginale o della vescica, col rischio (remoto) anche di arrivare a problemi renali. Fate attenzione, curate la vostra igiene intima e cambiate le mutandine ogni giorno, poi ogni anno compratene di nuove!