Home Attualità

Suo figlio muore a soli 3 anni, lui scrive 10 regole per i genitori

CONDIVIDI
Richard e il suo figlioletto (Facebook)

Un padre perde suo figlio di soli 3 anni e scrive 10 regole per vivere al massimo l’amore per i figli

Si è sempre detto: il dolore più grande per un genitore è quello di sopravvivere al proprio figlio, e non c’è verità più vera di questa qui. E’ una cosa innaturale, un evento che non ti aspetteresti mai e che invece purtroppo accade più spesso di quanto potremmo mai volere. Figuriamoci quando questo figlio è un bambino, una piccola gioia che vorremmo vivere momento per momento della nostra vita. Quello che è successo a Richard Pringle, ad esempio, non dovrebbe mai capitare a nessuno. Richard ha perso il figlio Hughie quando aveva solo 3 anni a causa di un’emorragia cerebrale dovuta a una malattia congenita. Un evento che ovviamente gli ha mandato il cuore in mille pezzi, un dolore che abbatterebbe anche il più forte degli uomini. Ma nell’anno successivo Richard si è guardato dentro, ha imparato molto e ha capito tante cose, poi ha deciso di condividerle con altri genitori per far sì che possano godersi tutto il tempo che hanno avuto in dono. Ha scritto anche un decalogo, una lista di dieci semplici regole che possono servire per vivere al meglio ogni minuto della vita che passiamo con i nostri figli.

Leggi anche —- > Alice Signorini, la ragazza morta di dolore dopo aver perso i genitori

Le 10 regole di Richard Pringle per vivere bene con i nostri figli

10 regole
Richard e il suo figlioletto (Facebook)

E così Richard Pringle ha scritto queste 10 regole, che sono state condivise da molti genitori e apprezzate in quanto davvero esemplari per quello che è il rapporto fra padre e figlio. Regole che dovremmo sempre tenere presenti:

VIDEO NEWSLETTER
  • Valuta al meglio ogni momento con i tuoi figli. Non importa dove sei o cosa stai facendo, che sia giorno o notte, se sei al lavoro, in auto o a casa, goditi i tuoi figli meglio che puoi.
  • Non dimenticare di salutare i tuoi figli con un bacio ogni notte e ogni giorno, perché non sai mai quando sarà l’ultima volta.
  • Fai tutte le foto e tutti i video che puoi fare insieme ai tuoi figli: i ricordi sono per sempre, e potrebbero essere l’unica cosa che ti resterà in futuro.
  • Il tempo non si ferma, non spenderlo lavorando; dedica gran parte di questo ai tuoi figli, gioca con loro, portali al parco, vai in bicicletta. Non aspettare fino alla fine, sarà troppo tardi.
  • Scrivi in ​​un diario tutto quello che fanno i tuoi figli, le cose buone, le cose cattive, i trionfi, i fallimenti. Scrivi tutto, ma proprio tutto. Dopo la morte di Hughie io e mia moglie abbiamo iniziato un diario per immortalare i suoi ricordi, e stiamo facendo lo stesso con i suoi fratelli, perché quando saranno vecchi possano leggere tutto ciò che hanno vissuto nel passato.
  • L’amore è infinito, non ha limiti, non importa quanto lo mostri, ci sarà sempre più nel tuo cuore.
  • Il denaro non ha importanza. Non guardare quanto ti fanno spendere, passa del tempo con loro!
  • Il tempo non si ferma: passa tutti i momenti che puoi con loro! Fai colazione con loro, portali a scuola, alle partite di calcio, guardate un film. Goditeli, sempre e comunque: questo è il vero valore della vita.
  • Cantate insieme. Sembra stupido, ma molti dei ricordi sono fatti con la musica. Io ho tanti ricordi legati a mio figlio e alle canzoni che cantavamo insieme quando viaggiavamo in macchina.
  • Fai in modo che ogni momento trascorso al tuo fianco sia divertente come se fosse l’ultimo: la vita è troppo breve per non divertirti. Quando sarà troppo tardi non te ne pentirai!

Un decalogo prezioso, che va letto e condiviso con altri genitori. Facciamolo girare!