Home Attualità

Lettera di un preside ai genitori: “di a tuo figlio: è solo un esame”

CONDIVIDI
lettera preside
iStock photo

Il preside di una scuola di Singapore scrive ai genitori dei suoi alunni per invitarli a dare il giusto supporto ai ragazzi durante i prossimi esmi: “ditegli che è solo un esame”.

Una lettera affissa fuori dalla scuola, indirizzata non agli alunni ma ai loro genitori. A scriverla è stato un preside di Singapore, una persona capace in una manciata di righe di fornire un grande insegnamento e non a coloro che si accingono a sostenere i temuti esami bensì alle loro famiglie.

Molto più dello stress per lo studio e della pressione dell’essere esaminati, sono spesso le aspettative di mamma e papà ad angosciare gli studenti che si accingono alla maturità o alla discussione di una tesi di laurea o ad altre tappe importanti del loro percorso di studi.

Questo preside ha saputo mettere a fuoco tutto ciò e consigliare ai genitori il modo migliroe per supportare i propri figli in simili particolari momenti: capendo per primi e facendo comprendere ai propri figli a loro volta che, in fin dei conti, è solo un esame.

VIDEO NEWSLETTER

Ci saranno altre opportunità di successo nella vita e anche il loro momento arriverà: questo insegna il preside di Singapore e questo ha reso la lettera tanto popolare da fare il giro del mondo, da arrivare anche a La prova del cuoco dove Antonella Clerici l’ha letta per ricordare Giada De Filippo, studentessa suicida per aver mentito sugli esami sostenuti.

Lettera del preside

lettera preside
iStock photo

“Gli esami dei vostri figli stanno per iniziare, so che sperate che i vostri figli vadano bene.

Ma per favore ricordatevi che tra gli studenti che siederanno per fare gli esami c’è un artista che non capisce la matematica, c’è un imprenditore a cui non interessa la storia, c’è un musicista i cui voti in chimica non saranno importanti, c’è una persona sportiva il cui allenamento è più importante della fisica.

Se tuo figlio andrà bene sarà un’ottima cosa, ma se lui o lei non lo faranno, per favore non privarli della loro fiducia e della loro dignità. Digli che non fa niente, che è solo un esame – la lettera del preside prosegue e Antonella Clerici la legge fino in fondo – Potranno fare cose molto più grandi nella loro vita. Digli che non importa quali saranno i loro voti, li amerai lo stesso senza giudicarli. Comportatevi così per favore. E quando lo farete, ammirerete i vostri figli conquistare il mondo. Un esame od un brutto voto non gli porteranno via i loro sogni ed il loro talento.

Per favore, non pensate che dottori ed ingegneri siano le uniche persone felici al mondo.

Cordiali saluti, il preside”