Home Attualità

Alessandria, parla la professoressa vittima di bullismo

CONDIVIDI
professoressa vittima di bullismo
iStock Photo

Professoressa legata e presa a calci dai sui stessi studenti li perdona: “hanno cheisto scusa”.

L’hanno legata a una sedie e hanno iniziato a tirare calci, il tutto mentre con i cellulari giravano un video da postare su Instagram. La terribile storia di bullismo andata in scena in una scuola di Alessandria era stata raccontata qui su CheDonna.it alcuni giorni fa e oggi vi aggiorniamo sui suoi ultimi sviluppi, quelli che hanno lasciato di stucco molti lungo lo Stivale: il perdono della professoressa vittima di bullismo da parte dei suoi studenti.

Il perdono della professoressa vittima di bullismo

Bullismo (Pixabay)

Antonella T., di Tortona, è la professoressa vittima di bullismo della scuola tristemente divenuta celebre ad Alessandria. I suoi studenti l’avevano presa di mira approfittando dei problemi di deambulazione che la affliggono, trasformando una normale giornata di lavoro in un ricordo carico di paura per questa insegnante.

Adesso però è proprio Antonella a minimizzare quanto accaduto, raccontando così i fatti su repubblica.it:

VIDEO NEWSLETTER

“Erano una decina, mi hanno un po’ derisa, fatto scherzi. Sono stati richiamati. – poi continua – Mi hanno circondata e mi hanno fatto scherzi. Mi spostavano la cattedra, io ho difficoltà a deambulare e loro alluntanavano il tavolo. Ma, ripeto, sono stati presi provvedimenti”

La rofessoressa sottolinea poi come si tratti di un episodio isolato e come a contare siano molto più le scuse arrivate dagli studenti incriminati:

“Si sono scusati, è stato un episodio di goliardia. Alcuni di loro sono studenti bravissimi, si sa che nel biennio sono un po’ così”

A chi poi si lamentava giudicando la punizione inferta agli autori dell’atto di bullismo troppo blanda replica:

“La punizione l’hanno avuta, è stata giusta almeno evitiamo che lo facciano di nuovo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Riceve il cellulare con 2 giorni di ritardo e accoltella il fattorino

A parlare è dunque una vera insegnante, una donna che cerca di far crescere i propri studenti badando più all’insegnamento da dare che a personali ripicche o giustizialismi, concentrandosi su come rendere questi ragazzi un domani adulti migliori. Che dire, un vero esempio: chapeau!