Home Attualità

Legata e presa a calci dagli studenti: bullismo contro la professoressa

CONDIVIDI
calci alla professoressa
iStock foto

Professoressa disabile legata a una sedia presa a calci dai suoi alunni. La punizione è stata un mese di sospensione.

Un video da postare su Instagram. Questo era per i ragazzini di un istituto superiore di Alessandria il terribile gesto di bullismo messo in atto da loro stessi a danno di una professoressa disabile.

La notizia ha fatto il giro del Paese e indignato molti, soprattutto alla luce della punizione inflitta agli alunni della classe colpevole, da molti giudicata troppo blanda e, addirittura, offensiva.

Bullismo contro la professoressa

iStock Photo

La storia è stata raccontata da Antonella Mariotti sulle pagine de La Stampa. Protagonista una professoressa che, come destritto dalla giornalista, è afflitta da disabilità motorie oltre che contraddistinguersi per un fisico particolarmente fragile:

“durante una lezione i ragazzini di una prima l’hanno legata alla sedia della cattedra e presa di mira a calci. Alcuni di loro, quelli che non partecipavano riprendevano con i cellulari.”

Il barbaro atto di inaccettabile bullismo è stato fortunatamente interrotto da uno studente più grande che, passando davanti alla classe, si è fermato attratto dalle urla e, compreso quanto stesse accadento, ha prontamente chiamato il bidello con l’aiuto del quale è riuscito a porre fine al terribile susseguirsi dei fatti.

L’insegnate fortunatamente nn ha riportato lesioni degne di nota e l’intera classe è stata punita: un mese di sospensione con obbligo di frequenza e il compito di occuparsi della pulizia dei cestini di altre aule durante l’intervallo.

Sufficiente? Per molti no. Sono tanti ad Alessandria, inclusi altri docenti del medesimo istituto, che sottolineano l’inadeguatezza della “pena” stabilita dal consiglio scolastico:

“Una punizione per nulla esemplare, e un messaggio sbagliato agli studenti che rispettano la scuola e gli insegnanti”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> 14enne suicida a causa del bullismo: il padre invita i bulli al funerale

E voi, che ne pensate? Sufficiente un mese di sospensione per far comprendere ai ragazzi la gravità del gesto compiuto e assicurarsi che la cosa non si ripeta mai più? A voi l’ardua sentenza.