Home Attualità

Riceve il cellulare con 2 giorni di ritardo e accoltella il fattorino

CONDIVIDI
accoltella fattorino
Foto da iStock

Aveva ordinato un cellulare ma il pacco viene consegnato con due giorni di ritardo. per vendetta l’avvocatessa accoltella il fattorino che si era perso.

“Ero nuovo della zona e non riuscivo a trovare l’indirizzo”

Così si è giustificato Keshav, fattorino di 28 anni colpevole di aver consegnato un pacco con ben due giorni di ritardo. Una colpa che noi shopping addicted, ben consapevoli della fibrillante attesa che si accompagna alla consegna di un pacco, potremmo giudicare come non propriamente lieve ma che il ragazzo ha pagato a prezzo comunque decisamente troppo caro

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Legata e presa a calci dagli studenti: bullismo contro la professoressa

Accoltella il fattorino per una consegna in ritardo

fattorino accoltellato
iStock photo

Ad accogliere Keshav c’erano l’avvocatessa Kamal Deep, colei che aveva ordinato il cellulare che il ragazzo doveva consegnare, e suo fratello, Jitender Singh.

Entrambi, come racconta il quotidiano The Hindu, hanno atteso lo scorso 21 marzo il giovane armati di coltello e, dopo averlo colpito circa 20 volte, hanno anche tentato di strangolarlo con un laccio. Infine, dopo aver rubato 40.000 rupie (500 euro) che Keshav portava con sè nello zaino, lo hanno abbandonato vicino a una discarica.

Proprio qui, grazie a una segnalazione, la polizia ha ritrovato il giovane fattorino e lo ha prontamente condotto in sopedale, avviando poi le indagini che hanno portato all’individuazione e all’arresto dei crudeli fratelli. L’accusa è ovviamente tentato omicidio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Ritrovate ossa umane, shock a Recanati: potrebbe esserci anche la piccola Cameyi

Una storia che da quel di New Delhi ha letteralmente shoccato il mondo e che descrive terribilmente bene i livelli di crudeltà a cui la natura umana del XXI secolo può condurre. Un apparente torto subito, come il ritardo di un pacco, sembra bastare per tentare di togliere la vita a qualcuno; il desiderio di appropriarsi di poche centinaia di euro spinge a gesti che dovrebbero esser considerati inaccettabili per un essere umano: siamo davvero caduti così in basso o forse lo siamo sempre stati, ed è solo il flusso di informazioni sempre più ricco e incessante a rendere tutto ciò più evidente e shoccante?