Home Attualità

I Nas di Torino contro Cannavacciuolo. Lui si difende così.

CONDIVIDI

Antonino Cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo, famoso chef al momento in tv con la nuova edizione di Masterchef, è stato denunciato dai Nas per frode. Nel suo ristorante di Torino, gestito dalla moglie, sono stati trovati infatti diversi prodotti congelati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Zenzero candito: un cibo delle feste che fa bene. Ora anche in versione light

Tutta colpa di un asterisco fantasma

Cannavacciuolo non ci sta e replica alle accuse difendendosi con il suo noto vigore. A detta dello chef infatti, né lui né tantomeno il suo staff ha mai pensato di prendere in giro i clienti. Pur ammettendo la presenza, peraltro inconfutabile, di determinati cibi congelati, Cannavacciuolo ha dichiarato in un’intervista a La Stampa che per quanto riguarda il pesce questo è semplicemente abbattuto come richiesto dalla legge e che la sua unica colpa è quella di non aver inserito gli asterischi nel menu. Gli stessi asterischi che indicano alla clientela se un determinato prodotto è fresco o congelato e che, di conseguenza, fanno una gran differenza nella scelta del piatto da ordinare.
Come se non bastasse, però, i Nas, hanno trovato anche altri prodotti che normalmente non dovrebbero essere congelati, come pasta e verdure. A detta dello chef si tratterebbe di alimenti avanzati e che vengono congelati e riutilizzati solo per lo staff. Ai clienti, a suo dire, viene offerta sempre e solo roba fresca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Ecco i sei alimenti che si possono mangiare anche dopo la data di scadenza

Secondo Antonino, quindi, la denuncia per frode alla quale si è unita una multa per la mancata tracciabilità di alcuni prodotti è solo il frutto di uno spiacevole malinteso unito a regole troppo rigide che rendono difficile lavorare in Italia.