Home Attualità

Le immagini dell’orso polare smagrito stanno facendo il giro del mondo

CONDIVIDI

orso polare :(

Nelle ultime ore sta circolando una foto davvero straziante in cui un orso polare arranca in cerca di cibo un terreno arido e senza ghiaccio. Lo scatto è opera del fotografo del National Geographic, Paul Nicklen che condividendo questo scatto spera di trasmettere al mondo intero la tristezza provata nel trovarsi inerme davanti ad una simile scena.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> In braccio a Babbo Natale per l’ultima volta: un regalo speciale per il piccolo Miles

La foto dell’orso polare che sta facendo il giro del mondo

Sono immagini che nessuno avrebbe mai voluto vedere e che straziano il cuore. Un orso polare ormai scheletrico che va in cerca di cibo e che solo esistendo porta un messaggio degli effetti del cambiamento climatico. Un messaggio silenzioso ma in grado di urlare ai cuori di chi sa ancora provare empatia.
Tutto ciò avviene in Canada, nelle isole Baffin, dove l’habitat è cambiato rendendo la vita impossibile agli orsi polari che, senza più ghiaccio, non possono alimentarsi come un tempo.
Orsi costretti a cercare il cibo tra barili vuoti e a muoversi in un mondo che sembra non appartenergli più.
Paul Nicklen ha ammesso di aver provato una profonda stretta al cuore mentre con la sua equipe catturava stralci di una testimonianza così dolorosa.

Siamo rimasti lì a piangere: durante le riprese le lacrime scendevano lungo le nostre guance.

Le stesse lacrime che dovremmo condividere tutti e che dovrebbero spingere il mondo intero a trasformare la commozione in azione in modo da non dover più assistere a certe scene.
Nella sua pagina Instagram Paul Nicklen ha inserito una foto con una tanto di didascalia:

È una scena che spacca il cuore ma che abbiamo scelto di condividere per rompere il velo di apatia della nostra società.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Gatto prende il posto di Gesù bambino nel presepe. La foto diventa virale

Il fotografo, nelle scorse ore, si è anche dovuto difendere dall’attacco di alcuni animalisti che lo hanno accusato di essersi limitato a riprendere il tutto senza aiutare l’orso. In sua difesa Nicklen ha spiegato di non avere con se pistole con tranquillanti o il quantitativo di cibo che avrebbe potuto sfamare un orso e che anche dandogli da mangiare, una volta lontani dalle scene, l’orso sarebbe comunque morto. Ovviamente, sull’argomento, le opinioni sono tante e diverse anche se, è indubbio che qualora fosse possibile, ogni animale andrebbe salvato a qualsiasi costo. Ciò nonostante, resta la crudezza di queste immagini e la speranza che la sofferenza di un orso possa almeno cambiare le cose ed il destino del mondo verso il quale stiamo lentamente arrivando.