Home Gossip

Messaggio di J-Ax al suo gatto: “Mi hai salvato la vita”

CONDIVIDI

J-Ax e Little

Chi ama gli animali sa bene come la loro compagnia sia un toccasana per l’anima. Allo stesso modo, dirgli addio è qualcosa di profondamente difficile, che dilania l’anima e che mette in evidenza come l’amore sia appunto amore, a prescindere la persona o l’essere per cui si prova. Un animale può dare e ricevere lo stesso amore di un amico o un parente ed oggi sempre più persone ne sono consapevoli al punto da dirlo senza alcuna vergogna. Tra queste c’è anche J-Ax. Il rapper ha recentemente detto addio al suo gatto tramite un post su Instagram che ha commosso i tanti followers al punto da fare il giro del web.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> I bulli si accanivano contro di me. La confessione shock di J-Ax

Le parole che J-Ax ha dedicato al suo gatto Little

Ciao Little, forse non te l’ho mai detto, ma mi hai salvato la vita.
Forse a qualcuno può sembrare strano parlare così di un gatto, non sei neanche di una di quelle razze che le signore ricche tormentano con dei pettini finché non vincono qualche trofeo d’oro (che poi sono di ottone…)
Però, del resto, mi hai sempre capito. Forse non le mie parole, ma il mio animo si, quello sempre.
Siamo stati assieme da tanto. Sei entrato nella mia casa più di 15 anni fa. Una vita per me. Per te, 5 o 6, credo. E, devo essere sincero, i primi tempi non è stato facile.
Ti ho dovuto spiegare che non devi attaccare a zampate le chiavi della macchina sul tavolo. Le chiavi mi servono, non mi vogliono uccidere… anche se credo non sia mai servito.
Ma ogni difficoltà iniziale è insignificante rispetto a tutto quello che hai fatto per me negli anni. Sei sempre stato al mio fianco. Non importa ciò che mi capitava durante il giorno, se tornava a casa da vincitore o da sconfitto, tu eri lì. Eri sempre lì.
A darmi conforto quando mi sentivo perso. A festeggiare insieme a me quando ero felice. A difendermi dalle chiavi della mia macchina che volevano uccidermi.
Eri con me anche quando tutti mi hanno abbandonato. Quando ero “troppo vecchio”. Quando ero finito. Quando gli amici hanno smesso di chiamare.
C’eri anche quando pensavo che l’unico modo per dimenticare, per anestetizzare il dolore, fosse l’alcool. Mi hai aiutato a smettere. Senza di te, oggi, non sarei qui.
Per questo, il giorno che ho scoperto che ti eri ammalato, ho avuto così tanta paura. Avevi smesso di mangiare. Stavi lentamente svanendo. Il veterinario disse “diabete”.
Quasi tutti mi dissero che non ce l’avresti fatta. Ma io sapevo che non avresti mollato. Alcuni mi hanno detto che sono state cure “esagerate”. Che non sei una persona ma “solo un gatto”. Hanno ragione, sei solo un gatto.
Infatti nessuna persona mi ha mai dato quello che ho avuto da te. Perché così sono i gatti.
E so che ti saresti preso cura di me come io ho fatto con te. Lo so, perché lo hai già fatto. E ora che hai perso la battaglia mi manchi ogni giorno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Cuore spezzato: può accadere anche per la morte del proprio cane

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Cuore spezzato: può accadere anche per la morte del proprio cane

Parole commoventi e dolcissime quelle che J-Ax ha dedicato al piccolo Little. Un’ode ad un amico che nella vita ha solo dato amore, quello più puro che non chiede nulla in cambio e che si nutre dell’amore stesso. Noi di Chedonna.it non possiamo che unirci in questo abbraccio di commiato al piccolo Little e a tutti i pelosi che pur smettendo di esistere su questo piano, sanno come restare per sempre nel cuore di chi li ha tanto amati.