Home Pelle

Pelle: abbronzarsi senza sole? La scienza presto ci aiuterà a farlo

CONDIVIDI

Per tutti coloro che amano labbronzatura ma per motivi di salute, di bellezza o perché hanno la pelle troppo chiara e sensibile, non possono esporsi ai raggi UV, la scienza avrebbe trovato un meccanismo molecolare in grado di permettere la stimolazione di melanina senza dover esporsi al sole.

Una soluzione davvero innovativa che potrebbe regalarci una tintarella dorata senza andare incontro ai rischi di una esposizione ai raggi UV.

Per ora, questa molecola non è stata testata sull’uomo ma nei test di laboratorio eseguiti sulle cavie e su frammenti di pelle umana, sembra aver dato ottimi risultati.

La scienza ha scoperto la molecola in grado di stimolare la melanina senza doversi esporre al sole

La scoperta scientifica di questo particolare meccanismo molecolare, è stata fatta dal dermatologo del Massachusetts General Hospital di Boston, David Fisher.

Il meccanismo va ad intervenire sul gene MC1R, che si trova sulla superfice di alcune cellule della pelle, chiamate melanociti.

Quando ci si espone ai raggi del sole, il gene recettore, invia un segnale d’allarme che va a stimolare una immediata produzione di melanina per proteggere la pelle dall’azione dei raggi UV.

Nelle persone di pelle chiara, rosse di capelli questo gene non funziona, ecco perché la pelle di questi individui, nella maggior parte dei casi si scotta se esposta al sole.

I ricercatori, hanno voluto colpire, una proteina chiamata chinasi Na+ inducibile, che disattiva la produzione di melanina.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Pelle: l’epilazione della zona bikini potrebbe nuocere alla salute 

La molecola scoperta, andrebbe, se iniettata nella pelle a stimolare la produzione di melanina, anche nei soggetti non predisposti.

Nella pelle umana, questo darebbe origine ad una abbronzatura dall’effetto molto naturale, proprio perché originata dal meccanismo naturale della melanina e non da un prodotto che si fissa sull’epidermide, come per esempio l’abbronzatura artificiale con l’aerografo o l’autoabbronzante.

Questa scoperta risulta essere molto importante, soprattutto perché interverrebbe direttamente nella prevenzione dei tumori della pelle, in quanto, per ottenere un bel colorito scuro, non ci sarebbe più bisogno di passare ore sotto i raggi del sole.

Affiancata ad un buon fattore di protezione solare, questa molecola, aiuterà ad avere una bellissima tintarella ma in modo consapevole!

->POTREBBE INTERESSARVI ANCHE: Milaria: i brufoli da esposizione solare, cosa sono e come si può affrontare la problematica 

GUARDA GRANDE FRATELLO VIP, CHI SARANNO I CONCORRENTI? -IL VIDEO-