Home Salute e Benessere Psiche Psiche: Come poter affrontare il senso di colpa che ci opprime e...

Psiche: Come poter affrontare il senso di colpa che ci opprime e vivere meglio

CONDIVIDI
(Istock)

La nostra vita è costellata di scelte, di decisioni e di perdite che ci portano, chi più e chi meno, a vivere un senso di colpa che ci fanno stare ancorate al passato a quello che abbiamo perso o a ciò che abbiamo lasciato e non ci permette di concentrarci e vivere appieno ciò che abbiamo e di conseguenza il futuro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Fuga dissociativa,cosa è e come si presenta

Come affrontare il senso di colpa

Il senso di colpa è un sentimento di malessere più o meno profondo che è legato a pensieri e comportamenti ritenuti inaccettabili, esso nasce da una valutazione errata della realtà che ci circonda. Ciò ci imprigiona e ci lascia ancorati ad un passato che non possiamo più cambiare e che però continua a condizionare la nostra vita presente e futura.

Il senso di colpa nasce dalla paura inconscia di essere abbandonati oppure non accettati dall’altro, da un giudizio negativo che porterà con sè una punizione. Quindi il senso di colpa nasce da una valutazione sbagliata della realtà che ci circonda e di conseguenza so trasforma in un ostacolo al raggiungimento della felicità.

L’unico modo per superare il senso di colpa è quello di iniziare a prendersi le proprie responsabilità e affrontare ciò che sta all’origine di questo sentimento.  Un primo passo è senza dubbio imparare a non guardare più al passato e iniziamo a pensare che ormai non possiamo più modificare ciò che è stato. Dobbiamo invece concentrarci a capire come il passato influenzi il nostro presente e cercare di modificarlo.

Un altro aspetto molto importante è di iniziare ad accettarci per quello che siamo e le scelte che abbiamo deciso di prendere senza stare a pensare a quanto ciò possa dare ” fastidio” o non siano congeniali agli altri e alle persone che abbiamo vicino, anche perchè se ci vogliono bene devono accettarci per ciò che siamo realmente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Disturbi del sonno: l’insonnia