Home Anticipazioni TV

Maria De Filippi è la regina della televisione: l’incredibile compenso per Sanremo 2017

CONDIVIDI

Maria De Filippi affiancherà Carlo Conti nella conduzione di Sanremo 2017. L’annuncio ufficiale è arrivato ieri nel corso della conferenza stampa di presentazione. Un annuncio che ha spiazzato gli addetti ai lavori ma scatenato l’entusiasmo del pubblico, felice di vedere sul palco del Teatro Ariston due professionisti assoluti. A spiazzare tutti, però, è stato anche l’annuncio del compenso che riceverà Maria De Filippi. Curiosi di scoprire a quanto ammonta? Ve lo sveliamo noi di CheDonna.it.

—>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Maria De Filippi ha litigato con Emma Marrone

maria de filippi
MARIA DE FILIPPI, IL COMPENSO PER SANREMO 2017

Carlo Conti, dopo aver annunciato i nomi dei Big di Sanremo 2017, ha fatto il colpaccio convincendo Maria De Filippi ad affiancarlo sul palco del Teatro Ariston. Quanto riceverà Maria De Filippi per le cinque serate del Festival di Sanremo 2017? Assolutamente nulla. La regina dell’Auditel parteciperà gratis: ad annunciarlo è stato lo stesso Carlo Conti che ha bruciato in partenza la caccia al cachet milionario. Quest’anno non ci saranno vallette: “Io e Maria bastiamo” dice Conti sorridendo. “Con quello che ci è costataCi tengo a dirlo, Maria viene gratis, non percepisce un euro”.

—>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sanremo 2017, tre super ospiti nella prima puntata. Ecco di chi si tratta

Una decisione che Maria De Filippi ha preso in totale libertà. A convincerla è stata proprio la professionalità di Carlo Conti: “Parteciperò con tutta me stessa per la stima che ho nei confronti di Carlo. Sono qui perché lo stimo, ma la mia è una partecipazione, lui è e rimane il direttore artistico del festival. Io non ho preso parte ad alcuna decisione, non ho sentito le canzoni, né arrivate né selezionate, non ho partecipato al contenuto del festival che è della Rai. Non si va alla ricerca di nessuno scandalo ma si va alla ricerca delle canzoni, che restano al centro. Non avrei mai accettato se non fosse stato il Festival di Carlo”.