Lunghi viaggi in macchina: gli italiani lo fanno tutti ma è sbagliato

Cosa mangiare (e bere) sia prima di partire per un lungo viaggio in macchina che durante il percorso? Ecco quello che gli italiani sbagliano

Una volta il tempo dei viaggi lunghi in macchina era solo quello estivo. Ma le abitudini degli italiani, in auto come a tavola, sono cambiare molto e adesso ogni occasione di ponte è buona per viaggiare. E qui nasce il problema: cosa mangiare e cosa evitare prima di mettersi in viaggio per non avere problemi?
Tutti pensano subito all’incidenza dell’alcol, soprattutto per chi deve stare al volante. In realtà gli errori son o molti di più e interessano anche i passeggeri. Quando il trasferimento è molto lungo, non importa se abbiamo previsto delle pause, nelle aree di servizio o addirittura uscendo dall’autostrada per visitare qualche paese lungo la strada.,

Lunghi viaggi
foto Chedonna

Quello che importa è nutrirsi nel modo giusto, dalla colazione al pranzo, per evitare ogni tipo di complicazione in macchina. Un problema di digestione, certo, ma anche di mantenere la massima efficienza evitando la stanchezza che non è solo un problema mentale.

E allora vediamo insieme cosa è sconsigliato e quindi gli errori che molti italiani commettono prima di mettersi in viaggio. Della colazione parleremo a parte, quando vedremo i consigli utili. Ora invece vediamo insieme cosa è assolutamente meglio evitare a pranzo oppure a cena.
Pasta, riso, ma anche patate e fagioli, insomma tutti i farinacei e i carboidtati, con assoluta moderazione. Le calorie eccessive non pesano solo sui fianchi ma anche nei tempi della digestione e invece abbiamo bisogno di essere leggeri.
Assolutamente da evitare invece sono i cibi piccanti, perché più pesanti ma anche perché ci portano a bere molto di più affaticando quindi pure i reni. Stesso discorso per le fritture: sono grasse e non si adattano ai lunghi viaggi in macchina.

Sconsigliata è anche la carne alla griglia, anche quella più magra perché allunga di molto la digestione e provoca un consumo maggiore di acqua. Meglio sarebbe pure evitare i vegetali acidi, a cominciare dai pomodori e dai peperoni, o quelli dal sapore intenso come la cipolla. Infine il capitolo formaggi: quelli stagionati e grassi, meglio lasciarli perdere.

Lunghi viaggi in macchina, ecco cosa possiamo mangiare

Gli esperti calcolano che un lungo viaggio in macchina, per chi guida, porti ad un consumo di calore compreso tra 1000 e 1400 al giorno. Quindi se è sbagliato appesantirsi, è anche un errore gravissimo fare l’opposto e non mangiare per paura delle conseguenze

Puntiamo su proteine magre, vitamine e minerali. Dividendo la giornata in due fasce, per chi parte al mattino la colazione è ancora più importante del solito, anche perché nessuno sa con precisione a che ora sarà il pranzo. Evitiamo dolci ricchi di burro e puntiamo sulla frutta, i prodotti da forno ma integrali, la marmellata, o ancora salumi magri come la bresaola. Ma mangiamo tuitto a casa (o in albergo) e non di fretta in macchina prima di partire.

A pranzo la soluzione migliore è sempre sedersi a tavola per avere i tempi giusti. Va bene un piatto di pasta o di riso con le verdure, un’insalata mista, verdure grigliate. Se invece siamo in macchina e ci fermiamo, un panino o una focaccia con salumi magri, petto di pollo sempre con verdure fresche o grigliate, senza salse.
Molto importante è anche la fase del viaggio. Il nostro consiglio è quello di portare sempre dietro frutta secca come mandorle o noci, perfetta per spezzare la fame senza far scendere l’indice della glicemia.