Li conosci? Sono pugliesi, deliziosi e li prepari in fretta. Li amerai

Cucina popolare, ricetta della tradizione, risultato buonissimo: questo è il vero finger food che ci piace e possiamo farlo da soli il Rustico leccese

 

Da noi non si chiamano finger food, non è mai stato così ma il principio è lo stesso. Ce ne sono tantissimi nella cucina popolare italiana e il rustico leccese è uno di questi.

ruscitico leccese
che donna

Il ripieno classico è pomodoro e mozzarella besciamella, ma noi prepariamo la versione con ricotta e spinaci, semplicemente strepitosa.

Rustico leccese, in formato mini oppure maxi

Invece dei rustici singoli, la tradizione vuole che possiamo preparare un rustico grande. In pratica è una torta salata intera che si prepara con un rotolo di pasta sfoglia rotondo mettendo tutto il ripieno e appoggiando sopra un secondo rotolo di pasta. I tempo di cottura sono gli stessi.

sfoglia
ricetta

Ingredienti:
4 rotoli pasta sfoglia
250 g ricotta
400 g spinaci
1 uovo medio
1 cucchiaio di latte intero
sale fino q.b.
pepe nero q.b.

Preparazione:

Cominciamo a pulire gli spinaci (se non stiamo usando quelli surgelati. Dopo averli lavati facciamoli bollire in una pentola piena di acqua e leggermente salata. Da quando bolle calcoliamo 15 minuti e gli spinaci sono cotti.
Tiriamoli su facendoli scolare in un colapasta e poi quando sono tiepidi strizziamoli bene con le mani in modo che perdano tutta la loro acqua. Infine tritiamoli con il coltello oppure una mezzaluna e teniamoli da parte.
Nello stesso colapasta che abbiamo usato per gli spinaci, dopo averlo lavato, facciamo scolare bene anche la ricotta vaccina. Ci serve asciutta, altrimenti i rustici leccesi in cottura diventeranno mollicci e il nostro lavoro sarà sprecato.

Poi tiriamo fuori dal frigorifero i rotoli di pasta sfoglia e con un coppapasta da 10 cm ritagliamo la da ogni rotolo 7-8 pezzi tutti dello stesso diametro. Appoggiamo metà dei cerchi di pasta sfoglia su due teglie e farciamo ognuno di loro con 2 cucchiai di ricotta e un po’ di spinaci, senza esagerare. Quindi con l’altra metà dei cerchi di sfoglia sigilliamo quelli che abbiamo preparato e schiacciando con le dita sigilliamo tutto.
Contrariamente ad altre ricette salate ripiene, non c’è bisogno di pressare i bordi esterni oppure di modellarli con i rebbi di una forchetta. In caso contrario, rischiamo che i nostri rustici leccesi alla ricotta e spinaci non gonfino bene in forno.

Quando abbiamo finito di sigillare i rustici sbattiamo velocemente l’uovo insieme al latte e spennelliamo delicatamente la superficie di ogni pezzo. Poi cuociamo i rustici in forno, che abbiamo già preriscaldato, a 200° per 30 minuti usando il ripiano centrale.
Infine sforniamo, lasciamo riposare una decina di minuti e poi possiamo portare in tavola. Sono buoni caldi ma anche tiepidi o a temperatura ambiente.