Il modo geniale di riciclare i tuoi collant strappati

Spesso basta usare i collant pochissime volte per trovarli subito strappati: in questo caso però non devi necessariamente buttarli, li puoi sempre riciclare.

Quante volte riesci ad usare i collant prima che si rompano, oppure quantomeno si inizino a sfilarsi? Probabilmente molto poche.

Collant strappati riciclare
CheDonna Photo

A tutte le donne capita, infatti, di ritrovarsi con le calze inutilizzabili anche se appena acquistate.

Basta infatti un’unghia leggermente sfaldata e quindi più tagliente, un anello per creare delle piccole aperture, che inevitabilmente tendono ad ingrandirsi sempre di più.

A volte addirittura già mentre li infiliamo per la primissima volta li rompiamo. A quel punto cosa fare? Buttarli non è tra le opzioni.

Basti pensare che ci vogliono circa 50 anni perché il nylon di cui sono composti moltissimi collant si decomponga (per alcuni possono volercene anche 100), quindi appare chiaro che questo capo è altamente inquinante.

C’è però un’altra soluzione che potresti mettere in pratica: potresti riciclare i tuoi collant strappati. Ecco come.

Ecco come riciclare i collant strappati

Se i tuoi collant sono strappati e quindi non li puoi più utilizzare, niente paura: li puoi sempre riciclare. Come?

Collant strappati riciclare
Canva Photo

La prima cosa da fare è tagliare la parte iniziale (cioè la parte dove vanno le dita dei piedi, per intenderci).

La seconda è creare delle strisce di circa 5 cm, ma per la dimensione precisa sappi che dipende tutto da quanti denari è il collant: più è leggero, più dovranno essere lunghe.

A questo punto basta stenderli un po’ et voilà, avrai ottenuto dei praticissimi elastici per capelli.

E non finisce qui, perché non dovresti accontentarti di utilizzare solo la parte finale delle tua calze: potrai infatti usare tutta la gamba, più o meno fino al ginocchio almeno.

La cosa positiva è che gli elastici così ottenuti saranno morbidissimi, quindi usandoli farai anche un favore alla tua chioma, perché non correrai il rischio che i tuoi capelli si spezzino (cosa che accade spessissimo).

E il resto dei collant lo possiamo comunque riciclare? Certo che sì: potrà diventare un panno cattura polvere usa e getta.

Come ottenerlo? Basta tagliare una parte di collant abbastanza grande da coprire tutta la scopa (orientati facendo delle prove) e il gioco sarà fatto.

Il collant, infatti, è elettrostatico, quindi sarà capace di attrarre tutta la polvere presente in casa.

Inoltre, quando avrai finito, non dovrai buttarlo: ti basterà lavarlo e potrai usarlo nuovamente infinite volte.

Se poi hai dei collant oppure dei leggins che semplicemente non utilizzi più, sappi che puoi tramutarli in una maglia in questo modo.

In ogni caso, l’importante è ricordarsi di non buttare mai quello che si può riutilizzare: il Pianeta ci ringrazierà ed anche il nostro portafogli.