Finora hai sempre comprato quello sbagliato: questo è il salmone che devi scegliere

Finora avete sempre comprato il salmone sbagliato: ecco come si fa a scegliere il migliore, in base ad aspetto e caratteristiche. 

A chi è mai capitato di andare al supermercato e di non saper scegliere quale salmone affumicato acquistare? Molti preferiscono basarsi sul prezzo, altri tirano a sorte. Mentre invece, è fondamentale conoscere il tipo di prodotto che si compra e che si mette sulla tavola.

scegliere salmone
Fonte: chedonna

E visto che la maggior parte del salmone è di allevamento, è fondamentale conoscere qualità e freschezza del pesce prima di consumarlo. Ecco perché a questo proposito il salmone selvaggio, ovvero quello pescato in natura, in genere è di una qualità migliore rispetto a quello allevato. 

Scopriamo allora come fare a riconoscere un salmone di buona qualità e su quali caratteristiche visive basarci per scoprire se stiamo comprando un prodotto di qualità.

Ecco come scegliere il salmone al supermercato

In commercio ci sono molte tipologie di salmone e per chi non è proprio esperto a volte può essere difficile compiere la scelta giusta. In questo caso ci soffermeremo sul salmone affumicato. 

scegliere salmone
Fonte: Canva

Pur essendo lavorato a crudo, perché l’affumicatura non prevede cottura, con questo prodotto non si rischia una contaminazione batterica, e nemmeno con germi o parassiti. In tal caso infatti, le industrie alimentari sono vincolate a importanti controlli e le tecniche utilizzate non permettono di rischiare con la salute.

Il salmone è un alimento che fornisce diverse sostanze benefiche, tra cui i cosiddetti grassi buoni, ovvero quelli capaci di ridurre il colesterolo cattivo del sangue. Gli omega 3 sono alleati per il nostro organismo visto che fanno bene alla salute di cuore, muscoli, nervi, vista e pelle.

E ora che arrivano le feste natalizie il salmone diventa protagonista in moltissime ricette, essendo un alimento versatile e che ben si presta a diverse preparazioni, specie per antipasti sfiziosi e particolari. Qui trovi i trucchi per prepararlo al meglio.

Ma quando andiamo al supermercato sappiamo quale salmone dobbiamo acquistare? Intanto è importante porre attenzione sulla scelta del tipo di salmone. Anziché prendere quello dall’allevamento intensivo meglio puntare su uno selvaggio, anche se il prezzo potrebbe essere leggermente superiore.

Oltre alla dicitura, dovremo tener conto del colore, quello del salmone dall’allevamento è chiaro, tendente al rosa e con delle striature di grasso visibile. Meglio quindi puntare a un salmone selvaggio con un colorito rosso intenso e senza striature di grasso visibili.

Inoltre, leggendo l’etichetta meglio puntare su prodotti senza coloranti, aromi e conservanti.

Se il salmone è d’allevamento dovremo controllare che il colore sia uniforme, senza macchie e bordi essiccati. Inoltre, dovremo vedere la dimensione delle fette. Se sono grandi significa che il pesce è pregiato, se invece le fettine sono piccole potrebbero essere degli scarti.

Anche lo spessore è importante. Se la fetta è molto fina tenderà  sfaldarsi se invece è troppo alta potrebbe avere un sapore un po’ troppo forte.