Gli chef versano l’olio nell’acqua della pasta e guarda quale problema risolvono

Non credete a quelli che dicono di non mettere l’olio quando la pasta cuoce: c’è un vero e proprio trucca da chef

La cucina è fatta di regole e di buon senso, ma soprattutto di abitudini che impariamo nel corso degli anni. Alcune già da bambini e sono quello che ci insegnano le mamma e le nonne. Altre crescendo e magari le copiamo dagli chef.

chef olio
canva

Come quando cuociamo la pasta, soprattutto quella che non è fatta in casa e quindi ha una porosità diversa, una consistenza diversa. Il terrore, specie nei primi tempi, è quello di far attaccare la pasta e così quando la scoliamo diventa complicata da condire.
Nessuno ci dice di girarla di continuo, non è un risotto, ma almeno all’inizio è sempre bene usare il mestolo per dare qualche girata, diciamo nei primi 2-3 minuti di cottura. Oppure c’è l’olio, quello d’oliva e non di semi.

Secondo alcuni aggiungere olio nell’acqua di cottura subito dopo aver buttato dentro la pasta è l’unica soluzione per evitare che la pasta si attacchi. Un’idea che nasce dalla sua consistenza: l’olio è un grasso ma è anche una sostanza scivolosa de quindi secondo questi cultori della cucina perfetta sarebbe l’unico modo per evitare guai.
In realtà l’olio resta in superficie, la pasta scivola dentro alla pentola. Quindi è praticamente impossibile che questo trucco funzioni e infatti nessuno chef vero vi direbbe mai di farlo, perché la pasta si condisce dopo, non durante.

Gli chef versano l’olio nell’acqua della pasta, ecco a cosa ci serve

Eppure noi vi diciamo che l’olio nella pentola dell’acqua per la pasta serve e ha anche un senso. Siamo contro gli chef stellati? No, anzi. Sono anche loro che lo fanno e c’è un motivo molto preciso che ci hanno insegnato loro.
Perché qual è uno dei fastidi peggiori quando cuciniamo è l’acqua che straborda dalla pentola quando comincia a bollire o quando abbiamo già calato la pasta. Forse abbiamo esagerato a riempirla? Può essere, ma c’è un rimedio.

chef olio
canva

L‘acqua della pentola sale più velocemente perché l’amido che contiene la pasta si libera e si accumula nella parte superiore. Quindi o abbassiamo subito, oppure il rischio di inondare i fornelli esiste.
E allora ci torna in aiuto lui. Sì, proprio quell’olio che non dovremmo usare. Se ne versiamo un cucchiaio non facciamo nessun danno alla pasta e in compenso evitiamo che l’amido di ammassi in superficie facendo tracimare l’acqua. La pasta resterà sotto, non c’è pericolo, e noi abbiamo risolto un problema. Facile, no?