Come rendere a lunga tenuta il rossetto cremoso in una sola mossa

Il rossetto cremoso, si sa, non è affatto a lunga tenuta, ma può diventare tale mettendo in pratica un piccolo – e veloce – trucchetto.

Ammettiamolo, il rossetto a lunga tenuta è ciò che ogni donna desidera, per la sua praticità.

rossetto cremoso lunga tenuta
Canva Photo

Questi – conosciuti anche come long lasting – non necessitano di una presentazione, ma per chi non lo sapesse sono quelli che restano intatti e non hanno bisogno di ritocchi.

Sono infatti no transfer, nel senso che non vengono trasferiti dalle nostre labbra alle posate, bicchiere, tovaglioli e tutto ciò con cui vengono a contatto.

Quanto possono durare i rossetti long lasting? Dipende dal tipo che acquistiamo, ma in genere possono arrivare a durare anche 8 ore (in alcuni casi anche di più).

In commercio ne esistono davvero tantissimi e questi differiscono sia per il loro formato – che può essere in stick, in crema, liquido, sotto forma di matitona – che per il loro finish.

Le finiture possibili offerte sono opache, semi – opache, lucide e cremose. Ognuna di loro, però, presenta dei pro e dei contro.

Ad esempio quelli opachi – cioè quelli che comunemente chiamiamo matt – sono i più coprenti in assoluto, ma sono anche quelli che tendono a seccare le labbra, soprattutto se usati spesso, quindi se soffri di secchezza, hai le labbra che tendono a “spaccarsi”, dovresti evitarli.

Quelli semi – opachi, invece, sono estremamente eleganti, ma durano anche leggermente di meno e rendono le labbra poco idratate.

Quelli satinati sono molto versatili e possono anche essere aggiunti ad altri rossetti – ad esempio ad uno matt anche non long lasting, ma la loro consistenza è “appiccicaticcia” e, come i precedenti, durano di meno.

Quelli cremosi hanno una consistenza morbida, ma rendono le labbra a lungo andare secche.

Detto ciò, a questi si aggiungono anche le tinte, che hanno una formula ricca di pigmenti e soluzione alcolica.

Quest’ultima, evaporando velocissimamente, fa sì che il colore aderisca perfettamente alle labbra e rende la tinta a sua volta a lunga tenuta. Ma anche queste, dopo alcuni utilizzi, potrebbero rendere le nostre labbra screpolate.

Come avrai potuto comprendere, quindi, i rossetti long lasting e le tinte hanno parecchi lati negativi e sono comunque sconsigliati per chi tende ad avere le labbra secche.

Esistono poi i rossetti cremosi, che non hanno questa pecca, ma che non sono affatto a lunga tenuta. Come fare quindi per ovviare a questo problema?

Questo trucchetto ti permetterà di farlo restare sulle tue labbra per ore senza doverlo ripassare mai, neanche una volta.

Ecco come rendere a lunga tenuta il rossetto cremoso

Quando usiamo il rossetto cremoso sappiamo già che la sua pecca principale è che dobbiamo ripassarlo spesso nel corso della nostra giornata.

rossetto cremoso lunga tenuta
Canva Photo

Inoltre, spesso ci rendiamo conto che è sbavato, lo troviamo sui bicchieri, sulle posate, sui tovaglioli e tende quindi a macchiare tutto ciò con cui viene a contatto.

Come rendere quindi il rossetto cremoso a lunga tenuta? Partiamo subito dicendo che in ogni caso, la cosa migliore da fare sempre è curare le nostre labbra, perché se sono rovinate anche il nostro rossetto avrà un effetto diverso.

Come possiamo fare? Usando sempre il balsamo labbra, facendo scrub e così via. Tutte queste operazioni possono essere tranquillamente inserite ad esempio nella nostra beauty routine.

C’è poi un metodo infallibile per far sembrare il nostro rossetto cremoso a lunga tenuta: si chiama primer labbra.

La cosa importante è ricordarsi di applicarlo prima del rossetto e della matita ed aspettare qualche secondo perché si asciughi e svolga alla perfezione il suo compito.

In commercio possiamo trovarne di diversi tipi: in genere sono in formato liquido, sotto forma di stick, oppure di matitone. Scegli quello che preferisci, tutti hanno lo stesso fine: far durare di più il rossetto cremoso.

In genere questo elemento di make up è di un colore tendente al beige e questo perché serve anche per attenuare la pigmentazione delle labbra.

In questo modo, queste prenderanno esattamente il colore del rossetto che scegliamo, quindi questo è anche un modo per far risaltare ancora di più la nostra nuance.

A questo si aggiunge il fatto che il primer labbra serve anche a ridurre il rischio di sbavature, motivo in più per utilizzarlo spesso.

E c’è di più, perché se applicato prima della matita, possiamo aiutarci con il primer a ridisegnare il contorno delle labbra.

In questo modo risolveremo il problema di eventuali asimmetrie e potremo farle apparire anche più carnose del normale.

Come il primer viso, che permette al nostro fondotinta di durare tutta la giornata senza dover fare continuamente ritocchi, anche quello labbra ha lo stesso effetto: il rossetto cremoso si aggrapperà a lui, diventando a lunga tenuta e resistendo per ore ed ore.

Inoltre, allo stesso modo, serve anche per idratare le nostre labbra in profondità, quindi, soprattutto se prima abbiamo usato scrub e balsami labbra, l’effetto sarà potenziato all’ennesima potenza.

Fatto ciò, possiamo procedere con il rossetto. Prima però, se lo desideriamo, possiamo passare la matita per definire il contorno delle nostre labbra.

Ecco quindi che siamo arrivate al momento dell’applicazione del rossetto. Quale colore scegliere?

Qualsiasi andrà benissimo, ma per orientarci dovremmo tenere conto del nostro incarnato e del nostro sottotono.

Ad esempio, se vuoi usarne uno nude, dovresti sceglierlo così.

Detto ciò, sappiamo che anche il modo con cui applichiamo il rossetto può influire sulla sua tenuta.

Ad esempio, un metodo “alternativo”, ma efficacissimo è utilizzare un pennellino al posto di stenderlo direttamente dall’applicatore. In questo modo durerà decisamente di più.