Scegliere il correttore (colorato) giusto non è mai stato così facile

Il correttore può essere davvero il migliore alleato di ogni donna, ma per diventare deve essere quello giusto: ecco come scegliere quello giusto e adatto quindi al tipo di imperfezione che vuoi coprire.

Il correttore è il best friend forever di tutte le donne e questo lo sappiamo benissimo.

correttore giusto
Canva Photo

Il “problema” è che non ne esiste solo una tipologia, ma ne esistono tante e molto diverse tra loro ed ognuna serve per un motivo ben preciso.

Pensi che il correttore serva solo per nascondere le occhiaie ed i brufoletti che tanto odiamo? Sbagliato. Può coprire tantissime imperfezioni sul viso.

Ma per farlo deve essere quello giusto. A questo proposito possiamo subito fare la prima distinzione: quale texture scegliere?

In commercio ne esistono davvero tantissime, ma sappi che ogni tipologia è adatta ad un tipo specifico di pelle.

La regola generale è più o meno questa: i correttori liquidi sono adatti alle pelli secche, quelli in polvere per quelle grasse. Ma questa distinzione ovviamente è troppo poco specifica, quindi entriamo nel merito.

I correttori liquidi a cosa servono davvero? A coprire le occhiaie in linea generale. Ma attenzione: non coprono affatto i brufoli, perché non sono coprenti paradossalmente, sono meno resistenti e più idratanti.

Ciò comporta che non solo non camuffano i brufoli, ma li rendono ancora più evidenti, quindi se hai una pelle grassa, lucida, hai un eccesso di sebo, dovresti evitarli.

Questi sono però adatti alle pelli mature, perché riescono comunque a non far risaltare le rughe.

Esistono poi i correttori in stick: questi, a differenza di quelli liquidi, coprono soprattutto i brufoli, anche quelli di colore rossastro che si vedono anche in lontananza.

C’è una pecca però in questo prodotto: la texture è molto compatta e tende ad inserirsi all’interno delle rughe, quindi non sono più adatti dopo gli anta.

Vi sono poi in commercio i correttori cremosi, che potremmo definire universali, perché coprono qualsiasi imperfezione e sono adatti ad ogni tipo di pelle essendo molto coprenti.

Infine vi sono quelli in polvere, perfetti per la pelle grassa: questi infatti assorbono il sebo in eccesso e, quindi, in caso di pelle lucida, la rendono decisamente meno visibile.

Detto ciò, però, c’è anche un altro interrogativo che dovremmo porci: quale correttore scegliere?

Non è la texture l’unica differenza tra i prodotti, quindi dovremo fare molta attenzione a scegliere quello giusto.

Se non sai come fare e non sai proprio da dove partire, ti suggeriamo noi come muoverti all’interno della vastissima gamma di prodotti che esiste in commercio.

Scegliere il correttore giusto: ecco le regole che dovresti conoscere

Partiamo subito da un principio: scegliere il correttore giusto è fondamentale, perché usandone uno sbagliato corriamo il rischio di vedere i nostri difetti accentuati addirittura.

correttore giusto
Pinterest Photo

Come fare quindi? Seguendo la regola dei colori. In sostanza, dovremmo seguire la legge della sovrapposizione di colori complementari.

Se due colori lo sono, le differenze saranno annullate e quindi la tonalità complessiva apparirà omogenea. In caso contrario, invece, le differenze saranno più che visibili.

Ciò comporta che ad ogni difetto corrisponde un correttore di colore differente. Macchie, brufoli, arrossamenti, tutto può essere camuffato, ma solo facendo la scelta giusta.

Quindi per comprendere meglio questo procedimento, facciamo alcuni esempi pratici.

Hai la pelle spenta, opaca, non luminosa insomma? Dovresti usare il correttore rosa, adatto soprattutto alle pelli mature e stanche, che diventeranno subito più fresche e giovani.

Hai invece delle antiestetiche occhiaie non troppo scure, oppure delle macchie cutanee tendenti al giallino (e a tutte le sue sfumature)? Dovresti optare per un correttore viola, che è proprio il colore complementare del giallo.

Soffri invece di rossori, cuperose e brufoli? Ecco che la scelta migliore per te sarà il verde, che farà sparire ogni segno dalla tua pelle.

Hai occhiaie molto visibili? Il correttore salmone, oppure comunque arancione fa al caso tuo. Questo è utile soprattutto nel caso in cui le tue occhiaie siano bluastre.

Se vuoi conoscere quali sono gli errori da evitare quando utilizzi il correttore per coprire le occhiaie, consulta la nostra guida.

Infine, esistono anche i correttori illuminanti, che possono essere sempre una buona idea, perché nascondono, ma allo stesso tempo illuminano, quindi anche le ombre presenti sul viso saranno automaticamente eliminate.