Se non siamo felici in coppia perché non riusciamo a rompere?

Lasciarsi è davvero la soluzione quando non si riesce più a stare bene in coppia? Allora per quale motivo psicologicamente questo passaggio è così difficile?

Lasciarsi oppure combattere con la possibilità di continuare a stare male e con il cuore colmo della disillusione che hanno lasciato tutti ii precedenti tentativi fatti per tornare a stare bene in due. Perchè rompere è così difficile?

coppia lasciarsi
Photo Canva

Chiudere definitivamente con qualcuno col quale abbiamo condiviso molti anni della nostra vita non è affatto semplice. Un rapporto di coppia non è mai privo di incomprensioni e litigi, chi più chi meno tutti discutono. Negli anni passati insieme avrete sicuramente affrontato innumerevoli sfide e se siete ancora li nella stessa casa è solo perchè li avete superarti insieme. Ma ci sono delle considerazioni importanti da fare se si pensa seriamente ad una rottura.

Lasciarsi, la difficoltà psicologica di una rottura

Se si è giunti al punto in cui si pensa spesso alla possibilità di lasciare il proprio partner significa che la situazione si è esasperata e i momenti brutti hanno superato quelli belli e le emozioni negative sono così tante e frequenti che stanno per oscurare quelle belle che vi tenevano uniti.

coppia problemi
Photo Canva

Quando le cose proprio non vanno tirare la corda e ostinarsi non serve a niente. L’unico modo per recuperare è darsi da fare insieme per avvicinarsi di nuovo e colmare quel divario che ha preso sempre più piede nella coppia.

Nel caso in cui tu senta dentro di te che non c’è davvero più niente da fare e l’idea di una rottura appare più come un sollievo che un dolore, allora come mai non riesci a prendere questa decisione?

A livello psicologico una rottura innesca diversi stati emotivi che fungono da blocco, anche se lasciarsi è oggettivamente la cosa migliore da fare, per tutti. Questa sensazione scatena il dubbio di essere ancora innamorati e funge da deterrente per una decisione definitiva. Ecco qualche esempio di cosa ci blocca:

La paura dell’ignoto

Questa paura è umana, l’ignoto ha sempre spaventato tutti. Quando dobbiamo cambiare città, lavoro o partner il pensiero di quello che avverrà dopo spaventa sempre. Anche se l’amore tra due persone finisce, il fatto di aver fatto parte l’uno della vita dell’altro per molto tempo ha creato un legame molto forte seguita da una routine di coppia. Quella persona è stata nel bene e nel male un nostro punto di riferimento che venendo a mancare ci destabilizza più di quanto avessimo immaginato.

La paura di ferire l’altro

Anche se il rapporto ha toccato il punto di non ritorno, c’è stato un tempo in cui siete stati felici e non è facile dimenticarlo. Se la vostra non è stata una relazione tossica tra voi c’è stato rispetto e vi siete voluti bene anche quando è finito l’amore, motivo per il quale non è facile staccarsi completamente. In questo caso potrebbe aiutare il pensiero che la più grande forma di rispetto che possiamo portare al partner è quello di dargli la possibilità di essere amato visto che noi non siamo più in grado di farlo.

La sensazione del fallimento

Un rapporto che finisce a livello personale equivale ad un fallimento. E’ come se non avessimo dato abbastanza e fatto abbastanza per salvarlo. Abbiamo investito tempo, fatto sforzi, sacrifici e rinunce per questo amore e non è servito a nulla. Se può servire come consolazione, la rottura non è affatto un fallimento, in realtà è solo la fine che segna un nuovo inizio. Un regalo meritato verso la felicità che meriti.

Il non voler far soffrire i figli

Molte coppie si ostinano a stare insieme “per i bambini”. Se non avessero avuto figli non avrebbero neppure avuto la forza di continuare a condividere la loro esistenza. I figli dovrebbero essere un buon motivo per lasciarsi in realtà in alcuni casi. Se l’ambiente familiare è particolarmente ostile e ci sono liti frequenti tra i genitori i figli soffrono. In alcuni casi sono meglio genitori separati ma felici piuttosto che genitori insieme che si disprezzano. I bambini vanno seguiti in questo passaggio delicato ma alla fine sarà un vantaggio anche per loro. Approfondisci l’argomento: Ecco perchè un matrimonio tossico fa più male di un divorzio  ai figli.

La paura della solitudine

Dopo aver trascorso tanti anni insieme anche solo l’idea di non farlo più potrebbe spaventare. Non è solo l’idea di restare soli ma anche il fatto di affrontare tutto da soli a spaventare. Può capitare di non sapere più come ci si debba comportare da soli dopo tanto tempo in coppia durante il quale si è condiviso tutto. Anche se la relazione non era idilliaca e felice, il fatto che ci fosse un’altra persona nella nostra vita era rassicurante. Quando due persone si lasciano non si è mai da soli. La famiglia e gli amici tendono ad aiutare a superare questo momento, perchè alla fine è un momento difficile e doloroso al pari di tanti altri. E se non hai nessuno ricordati che ti resta sempre te stesso e devi fare in modo di renderlo felice.

I dubbi che affollano la mente

Per finire un altro deterrente alla separazione è il perché. Perché non è il momento giusto, perchè non so dive andare, perché non ho un lavoro ecc. i perché diventano tanti in questa fase. Prova invece a fare una lista dei pro e dei contro e basati su queste ragioni per capire cosa fare. Se l’amore è finito anche se tutto il resto non sarà facile, l’unico rimpianto che avrai dopo esserti separata potrebbe essere quello di non averlo fatto prima.

Se senti in cuor tuo di aver capito che è il momento di lasciarvi ma sei bloccata ora comprendi le ragioni di questo blocco e anche quale potrebbe essere la cosa più giusta da fare.