Dieta plank per vegetariani: ecco i trucchi per farla con alimenti vegetali

La dieta plank è solitamente a base di proteine animali: ecco la versione per vegetariani, scopriamo i trucchi e cosa mangiare.

Solitamente la dieta plank è un regime alimentare basato sull’introduzione di molte proteine di origine animale tra cui carne, pesce e uova. Quindi totalmente non idoneo per chi invece è vegetariano o addirittura vegano.

dieta plank vegetariani
Fonte: Canva

Eppure si tratta di un tipo di dieta rapida che porta ad una sostanziale perdita di peso. Nel giro di un paio di settimane si possono perdere fino a 9 chili il tutto però seguendo alla lettera la dieta che si compone di 3 pasti al giorno.

Ma se una persona che non consuma proteine animali volesse seguire la dieta plank? Scopriamo la versione per i vegetariani, i relativi trucchi e cosa mangiare per perdere peso. 

Ecco cosa mangiare nella dieta plank per vegetariani

La dieta plank è un regime iperproteico e ipocalorico veloce che prevede un calo ponderale rapido. Trattandosi di una dieta cosiddetta lampo è bene non affidarsi al fai da te ma ad un nutrizionista se si desidera seguirla.

seitan
Fonte: Canva

Se una persona vegetariana volesse però seguire questo particolare tipo di regime alimentare al posto di carne, pesce, e proteine animali in generale cosa potrebbe mangiare? Scopriamolo.

Tra le alternative alle classiche proteine animali esistono ormai diverse tipologie di alimenti che vanno a sostituirli. Nel caso in cui volessimo seguire la dieta plank in versione vegetariana ecco che allora dovremmo portare in tavola cibi proteici di origini vegetale come bistecche di soiamuscolo di granoseitan e tofu. Banditi dalla tavola zuccheri, alcolici e bibite gassate.

Ma come si andrebbe a comporre allora la dieta plank? Ecco un menù tipo.

Intanto il primo giorno bisogna assumere a colazione solo un caffè, poi dal secondo giorno si può introdurre anche una fetta di pane. Niente spuntini né a metà mattina, né a metà pomeriggio. E ora vediamo come si potrebbe strutturare una settimana.

Il primo giorno a colazione un caffè senza zucchero. A pranzo due uova (da introdurre solo una volta alla settimana) e una porzione di spinaci conditi con un pizzico di sale. A cena tofu e insalata.

Dal secondo giorno oltre al caffè non zuccherato si introduce una fetta di pane. A pranzo si prosegue con del tempeh e un’insalata e un frutto di stagione mentre a cena seitan e insalata.

Per il resto dei giorni bisogna andare avanti con questo schema, variando quanto più possibile gli alimenti. Possiamo introdurre una volta alla settimana due uova, inoltre,  dobbiamo associare sempre i secondi piatti ad una verdura.

Una volta alla settimana per cena possiamo consumare uno yogurt e un frutto di stagione. Inoltre, nell’arco dei 7 giorni possiamo consumare una cena libera ma moderandosi con calorie e porzioni altrimenti si vanifica tutto.

Infine non dimentichiamo le indicazioni di base valide durante la dieta ovvero, bere un paio di litri di acqua al giorno, evitando alcolici, bibite zuccherate e gassate. Inoltre la dieta plank riduce in maniera drastica e a volte elimina del tutto alcuni alimenti come zucchero e olio. Non fa poi riferimento alle grammature dei cibi, e non è prevista attività fisica, anzi vista la restrizione calorica potrebbe addirittura essere sconsigliata quella troppo intensa in alcuni casi.

Essendo una dieta molto sbilanciata è sempre bene affidarsi ad un nutrizionista prima di intraprenderla ed evitare in tutti i modi il fai da te.