A volte ho l’orgasmo solo con la penetrazione e a volte no. Sono normale?

Molte donne hanno fatto esperienze differenti rispetto all’orgasmo, per il quale a volte basta la penetrazione, altre no. Perché succede? Ma soprattutto, con chi succede?

Come sappiamo fin troppo bene, l’orgasmo femminile è una questione molto complicata. Intervengono nel raggiungimento dell’orgasmo sia condizioni meccaniche sia condizioni mentali.

orgasmo penetrazione
(Chedonna)

Questo significa che per raggiungere l’orgasmo la donna dev’essere prima di tutto nel giusto stato psicologico ed emotivo. In seconda battuta, però, dev’esserci anche una stimolazione adeguata dei “punti caldi” del corpo femminile.

Una delle grandi “mezze verità” sull’orgasmo è che esista un orgasmo femminile vaginale e uno clitorideo. Non è esattamente così. L’orgasmo femminile parte sempre e solo dal clitoride, che però può essere stimolato in maniera diretta o indiretta.

Com’è facile intuire, la stimolazione diretta è la più semplice in assoluto. Basta semplicemente individuare il clitoride e stimolarlo con le dita, con la lingua o in qualsiasi altra maniera. Essendo completamente esterno, il clitoride è facile da “maneggiare”, esattamente come il pene, quindi la stimolazione diretta è la più semplice da effettuare ma anche la più efficace in assoluto.

La stimolazione indiretta avviene attraverso le pareti vaginali. Durante la penetrazione, infatti, le innervazioni del clitoride che “abbracciano” le pareti vaginali si attivano fino a raggiungere l’apice del piacere.

Ovviamente questo tipo di orgasmo è stato definito “orgasmo vaginale” ma in realtà non viene generato dalla vagina. Si attiva “attraverso” la vagina, ma è sempre il clitoride a produrlo.

Perché a volte proviamo l’uno e a volte proviamo l’altro?

L’orgasmo con la sola penetrazione è tutta una questione “di forma”

Per procurare a una donna un “orgasmo vaginale” cioè solo attraverso la penetrazione, è necessario molto tempo e una certa abilità.

rapporti sessuali
(Canva)

Il motivo per cui occorre molto tempo è che la stimolazione indiretta è meno efficace, quindi per raggiungere degli alti livelli di eccitazione la stimolazione dev’essere più lunga.

Per quanto riguarda l’abilità, invece, indurre l’orgasmo solo con la penetrazione significa conoscere molto bene il corpo della propria partner e aver individuato l’angolazione migliore per stimolare il suo clitoride attraverso le pareti vaginali.

Oltre a questo ci vuole anche un certo ritmo! La penetrazione non dev’essere soltanto lunga, dev’essere anche costante e regolare. Una bella impresa ginnica, insomma.

Nonostante l’impegno profuso, però, alcuni uomini riescono a farci provare l’orgasmo solo con la penetrazione a altri no. Molto spesso le donne si convincono che si tratta di una semplice mancanza di coinvolgimento.

In pratica ci si convince di “amare di più” gli uomini che ci fanno raggiungere l’orgasmo con la sola penetrazione e “amare di meno” quelli che ci riescono con la stimolazione diretta.

LEGGI ANCHE -> Tutte le donne sono demisessuali? Anche no, grazie!

Per quanto la parte emotiva abbia un’importanza fondamentale nel raggiungimento dell’orgasmo femminile, bisogna prendere in considerazione anche fattori più materiali che spirituali.

Il motivo per cui con alcuni partner raggiungiamo l’orgasmo con la sola penetrazione e con alcuni abbiamo bisogno della stimolazione diretta è la compatibilità fisica.

In pratica, dal momento che tutti i peni e tutte le vagine sono differenti tra loro, può capitare che la forma di un certo partner si adatti meglio alla forma della nostra vagina e quella di un altro no.

C’è anche la possibilità, però, che basti cambiare posizione e sperimentare la penetrazione da angoli differenti. Potrebbe accadere di trovare la posizione perfetta per raggiungere l’orgasmo “vaginale” anche con un altro partner. E se non dovesse succedere? Beh, ci saremo divertite durante la ricerca!