Il contorno ideale 365 giorni l’anno esiste, occhio a non rovinarlo

Un piatto di carne o di pesce, per quanto buono, non sarebbe lo stesso con il contorno sbagliato, ecco il contorno ideale per non  fallire

Il contorno perfetto sempre, quello che possiamo abbinare a piatti di carne e di pesce senza difficoltà e senza sforzi? Esiste, si chiama verdure al forno. Uno dei pochi piatti che possiamo preparare 365 giorni l’anno, perché basta adattarlo a quello che offre la campagna e che troviamo sui banchi del mercato oppure in negozio.

contorno ideale
Canva

Quindi è impossibile sbagliare quando lo prepariamo? Sulla carta sì, nella pratica di tutti i giorni invece no perché ci sono tanti passaggi che possono apparire banali. Ma in questo caso invece diventano fondamentali per separare una buona ricetta da una pessima anche con le verdure in forno.

Non stiamo parlando degli ingredienti, quelli li scegliete voi e non potete sbagliare: patate, melanzane, zucchine, cipolle, carote, cavolfiori, broccoli, carciofi e molto altro, in forno va bene tutto, specie se ha la giusta consistenza. Ecco, proprio questo può diventare il punto debole di questa ricetta: perché la nostra teglia è troppo croccante, troppo molle, troppo salata, poco saporita? Se ve lo siete chieste, qui trovate qualche risposta.

Il contorno ideale 365 giorni l’anno esiste, tutte le mosse giuste

Dopo aver lavato bene e spuntato le verdure, c’è già uno spartiacque e si chiama taglio. Non tutte le verdure hanno gli stessi tempo di cottura, ma quando le prepariamo in forno non possiamo nemmeno aprirlo ogni 5 minuti per aggiungere ingredienti.
Quindi il rimedio è a monte: per una cottura uniforme, cercate di fare pezzi più o meno delle stesse dimensioni.

verdure
canva

Non è una questione di millimetri e di goniometri, ma solo di occhio. E comunque c’è un rimedio per accelerare i tempo e avere una cottura uniforme: cuocere per un paio di minuti in acqua bollente le verdure potenzialmente più dure, come zucca, patata, cavolfiore. Ricordatevi che non deve essere un piatto esteticamente bello, ma solo buono.

->> LEGGI ANCHE: Secondi e contorni con meno di 250 calorie: tre ricette facili

Particolare non trascurabile nelle verdure al forno perfette è il condimento. Non tutte le verdure assorbono l’olio o il sale nello stesso modo, è meglio che ve lo ricordiate anche prima di infornare. Quelle che contengono più acqua, come melanzane, zucchine e funghi, hanno bisogno di un filo d’olio in più rispetto ad esempio alle patate e ai pezzi di zucca. E se mettete subito il sale, non così deve essere per le erbe aromatiche: aggiungetele solo a metà cottura, rischiano di bruciarsi e dare un cattivo sapore alla ricetta finale.

La scelta della teglia? Fa la differenza tra un piatto riuscito e uno approssimativo, anche se molte di voi non ci pensano. Tutte le verdure, anche se con percentuali differenti, contengono acqua e se non hanno spazio per buttarla fuori in cottura rimarranno sempre molli. Quindi usate una teglia bassa, tipo quella dei biscotti, non potete sbagliare.
Ultimo passaggio decisivo, la temperatura del forno. L’effetto finale deve essere quello di croccantezza fuori ma anche cottura all’interno. Quindi non dovete avere paura: portate il forno ad almeno 210°, se non anche 220° per circa 35-40 minuti e non sbaglierete mai.