Menù di Natale 2021 | Tutti i trucchi da chef per marinare il salmone

Invece del classico salmone affumicato, nelle prossime feste provare a marinare il salmone, ecco come farlo alla perfezione

Non possiamo definirlo un classico della tradizione, perché il salmone non è specificamente un pesce italiano. Ma al tempo stesso, sulle tavole di molti italiani a Natale o a Capodanno magicamente appare.

salmone
Canva

Molti puntano sul salmone affumicato, che è più facile da abbinare a diversi piatti e soprattutto non ha bisogno in molti casi di essere cotto. Ma se vi dicessimo che con qualche piccolo trucco potete marinare e poi servire anche il salmone fresco senza stress?
Ci sono tanti tecniche per marinare il salmone fresco prima di prepararlo. Ne abbiamo scelte tre molti facili, perché il pranzo di Natale oppure il cenone non devono diventare un obbligo, ma solo un piacere

Salmone marinato al limone
La marinatura del salmone con il limone ha una doppia funzione: quello di ammorbidirlo ma anche che dargli un buon profumo che poi si porterà avanti anche nel piatto ed è anche semplice.

->> LEGGI ANCHE: Pulire e cucinare il salmone fresco: certi errori li commettete pure voi

Basterà preparare in in piatto fondo un’emulsione con il succo di 1 limone (se è un limone grande tipo quelli di Sorrento, può bastarne anche mezzo), due cucchiaini da caffè di aceto di vino bianco, 1 pizzico di sale e 1 macinata di pepe.
Poi prendete il salmone e, a seconda della ricetta che dovete preparare, tagliatelo a fettine, oppure a cubetti. Mettetelo a marinare per almeno 4-5 ore e sarà pronto per la vostra ricetta.

Come marinare alla perfezione il salmone: l’aceto e la salsa di soia

Salmone marinato nell’aceto
Un’altra marinatura semplice ed efficace è quelle con l’aceto. In questo caso vi consigliamo di usare quello di mele, più leggero rispetto a quello di vino, oppure in alternativa l’aceto balsamico.
Tagliate il salmone a filetti più o meno grossi, poi immergetelo in un contenitore che avete già riempito con 7-8 cucchiai di aceto. Lasciatelo a macerare per almeno 6 ore, in modo che l’aceto agisca bene sulle sue fibre. Poi potete usarlo anche da aggiungere ad un’insalata.

salmone
canva

Salmone marinato con la salsa di soia
Fino a qualche anno fa la salsa di soia era un’esclusiva dei ristoranti orientali ma adesso sono molti ad usarlo per le loro ricette. Compresa la marinatura del salmone: basterà emulsionare in un piatto 100 ml di salsa di soia, 2 cucchiai di aceto di mele, il succo di mezzo limone e 1 cucchiaio di zucchero semolato che cancella l’acido dell’agrume.
Anche in questo caso lasciate il vostro salmone, a fettine o filetti, nella marinatura per alcune ore. Ma quando lo riprendete, scolatelo bene prima di condirlo.
E alla fine, come possiamo presentare il salmone marinato in tavola? Può diventare un antipasto, con un po’ di aneto oppure di erba cipollina e un filo di olio extravergine. O ancora, come vi abbiamo detto sopra, aggiungetelo ad un’insalata ricca.