Pulire e cucinare il salmone fresco: certi errori li commettete pure voi

Il salmone fresco è uno dei pesci più buoni e salutari che possiamo portare in tavola, pulizia alla cottura, tutti gli errori più comuni

Fresco o surgelato, il salmone è uno dei pesci migliori e più salutari perché contiene molto Omega-3, un acido grasso che il nostro fisico non produce normalmente. Ma al di là dell’aspetto salutare, è pure buono e si presta alla preparazione di tantissime ricette, dall’antipasto al secondo.

salmone
Canva

Oggi ci concentriamo sul salmone fresco, non tanto sulla sua qualità (anche se quello selvaggio è sempre migliore rispetto a quello che arriva dagli allevamenti), ma sugli errori. Sembra impossibile sbagliare nella preparazione e nella cottura del salmone. Eppure vedrete che alcuni sbagli li commettete pure voi.

PULIZIA E PREPARAZIONE
In genere il salmone è venduto in tranci, non necessariamente della misura che ci serve per preparare la nostra ricetta. Per affettarlo quindi serve un coltello, ma non tutti vanno bene. Quello ideale è lo stesso che usate ad esempio per affettare il prosciutto: non meno di 22-23 centimetri e dotato di lama seghettata.
E prima ancora di cucinarlo, dovete fare due operazioni. Anche il salmone ha le spine, se provate ad eliminare con un coltellino rischiate di rovinarlo. Quindi dovete dotarvi delle classiche pinzette, che trovate anche al supermercato. E cosa fare con la pelle? Buttarla subito è un errore, soprattutto se cuciniamo il salmone in padella o sulla griglia. Ma deve essere bella croccante, non molliccia. Per questo, appoggiatelo direttamente dal lato con la pelle cuocendolo a fuoco vivace.

Pulire e cucinare il salmone fresco: anche i tempi sono importanti

COME CUOCERE IL SALMONE
La cottura o meno del salmone dipende dalla ricetta che state preparando. Ma c’è un errore che molti commettono e che rischia di rovinare il pesce: non tutte le padelle sono buone. Sicuramente dovete puntare su quelle antiaderenti, meglio però se sono in ghisa.
E il punto ideale di cottura? Dopo averlo appoggiato dalla parte della pelle, con la padella già calda, calcolate 6-7 minuti. Non uno di meno, ma nemmeno uno di più. A quel punto abbassate la fiamma, giratelo delicatamente e andate avanti ancora per un massimo di 4 minuti.

salmone
Canva

E SE AVANZA?
Può assolutamente succedere che un trancio di salmone cotto o anche solo un pezzo avanzi. L’errore peggiore che potete fare, è quello di riscaldarlo di nuovo in padella oppure al microonde, perché rovinereste tutta il sapore della sua carne. Piuttosto, tiratelo fuori dal frigo e aspettare che arrivi a temperatura ambiente. Potrete utilizzarlo per arricchire un’insalata di pasta, di riso o verde.