Mobili ingialliti? Ecco i rimedi per farli tornare come nuovi

Scopri come sbiancare i mobili ingialliti in modo semplice e naturale. Tutto ciò che c’è da sapere per mobili sempre splendenti.

Arredare la propria casa con dei mobili che siano sia di design che in grado di evocare emozioni piacevoli è il sogno di tutti. Forse anche per questo motivo, si tende spesso a scegliere complementi d’arredo di colore bianco.

sbiancare mobili ingialliti
(Canva photo)

La neutralità e la semplicità di questo colore ne fanno infatti uno tra i più ambiti quando si parla di arredare casa. E tutto perché oltre ad essere facilmente abbinabile ad ogni contesto, si rivela sempre piacevole da vedere e poco stancante per gli occhi.

Cosa fare, però, quando i mobili acquistati con tanto amore, iniziano a perdere smalto per ingiallirsi? Questo problema è molto più comune proprio tra quelli bianchi e rischia di minarne la bellezza sopra citata. Per fortuna, ci sono alcune strategie che si possono mettere in campo al fine di sbiancare i mobili ingialliti per farli tornare come nuovi.

Come sbiancare i mobili ingialliti senza troppi problemi

La prima cosa da fare quando ci si trova davanti a dei mobili bianchi e ingialliti dal tempo è quella di ponderare per bene un piano d’azione. Strofinarvi con foga il primo detersivo che capita sotto gli occhi non è infatti un buon modo di agire.

sbiancare mobili ingialliti
(Canva photo)

Inoltre è sempre importante tenere conto dell’ambiente in cui ci si trova e del tipo di materiale che si ha davanti. Motivo per cui è sempre meglio differenziare le soluzioni in base alla stanza che si sta cercando di recuperare attraverso la pulizia approfondita dei mobili che la compongono.

LEGGI ANCHE -> Biancheria sporca: come pulirla ottimizzando i tempi

Per i mobili della cucina, ad esempio, a volte basta del bicarbonato sciolto in una bacinella d’acqua e strofinato (non con troppa forza) sulle superfici. Per evitare graffi è meglio optare per del bicarbonato particolarmente fine da far sciogliere per bene nell’acqua. L’effetto sbiancante, infatti, non dipenderà da quanto si strofinerà forte sulle superfici ingiallite ma dalla reazione chimica che il bicarbonato avrà sul giallo che si desidera scacciar via.

Qualora ci fossero mobili laccati e per questo più delicati, al posto del bicarbonato si potrà usare del sapone di Marsiglia da applicare sulle superfici strofinando con cura. Ciò che conta, in questo caso, è far uso di un panno liscio e che non graffi. Questi rimedi si rivelano solitamente utili anche per i mobili del bagno.

Per i mobili presenti in soggiorno e in camera da letto si può optare per una soluzione a base di acqua e aceto. Passandola sulle superfici si andrà a sbiancarle lentamente. Forse non si avrà il risultato completo dalla prima passata. Con il passare dei giorni sarà però possibile iniziare a godere della differenza e tutto senza rovinare le superfici. Una tecnica che si può utilizzare anche per i mobili del giardino, per i tavoli e per le eventuali sedie.

Ora che abbiamo capito come sbiancare i mobili ingialliti è bene ricordare che prevenire è sempre meglio che intervenire. Per evitare che il problema si ripresenti è opportuno spolverare sempre per bene la casa, insistendo ovviamente sui mobili bianchi. Lo strato di polvere che si accumula può infatti portare gli stessi ad assumere la colorazione gialla che tanto odiamo. Fatto ciò, si potrà passare un panno leggermente imbevuto in acqua e bicarbonato o in acqua e aceto (in base al tipo di mobile) almeno una volta ogni quindici giorni.

LEGGI ANCHE -> Troppe tazze in casa? Ecco come organizzarle al meglio

In questo modo i mobili si manterranno dello stesso bianco spendente che ha spinto all’acquisto iniziale e si potrà inoltre godere di una casa nella quale sentirsi a proprio agio. E tutto senza contaminare l’ambiente e senza fare chissà quali sforzi per mantenere le superfici del bianco desiderato.