Ricatti emotivi: ecco che ruolo giocano nella coppia (e come liberarsene)

La vostra coppia è “vittima” di una lunga serie di ricatti emotivi? Impariamo a riconoscerli, affrontarli e anche a liberarcene!

No, tranquilli: abbandonare un ricatto emotivo a bordo dell’autostrada e sgommare via guardandolo rimpicciolire nello specchietto retrovisore non è reato.
Non è come abbandonare cani, gatti o qualsiasi altro tipo di animale (che è reato) compresa quella bestia del tuo ex: quello meglio abbandonarlometaforicamente” e non sull’autostrada.

ricatti emotivi
(fonte: Unsplash)

Va bene, questa metafora è andata avanti abbastanza a lungo e noi, oggi, siamo qui per parlare di una vera e propria piaga delle relazioni sentimentali.
Impariamo a riconoscere, affrontare ed eliminare queiricatti” che tu ed il tuo partner, magari involontariamente, vi fate a vicenda!

Ricatti emotivi: cos’è un ricatto emotivo e perché evitarlo a tutti i costi

Partiamo da un presupposto importante: se non hai proprio idea di che cosa sia un ricatto emotivo ma l’hai comunque cercato su internet, c’è una buona probabilità che tu… ne sia vittima!

ricatti emotivi
(fonte: Unsplash)

No, dai, non abbatterti: è capitato a molti (se non a tutti) di imbattersi in una relazione tossica o di avere a che fare con qualcuno manipolatorio.
Magari, senza neanche rendertene conto, sei tu che in passato lo sei stato con gli altri alla stessa maniera in cui gli altri… beh, lo sono stati con te.
I ricatti emotivi, insomma, sono purtroppo il pane quotidiano di molte relazioni e non solo quelle sentimentali!

LEGGI ANCHE –> Senza di lui ti senti persa? Non ti fa bene: impara a gestire la dipendenza affettiva

Ma che cosa sono i ricatti emotivi? Alcuni esempi possono includere frasi manipolatorie che hanno a che vedere con quello che vuole il tuo partner e quello che vuoi tu.
Il partner può arrivare a chiederti di fare qualcosa “altrimenti mi uccido” oppure “ti lascio” oppure “dirò a tutti come sei stata cattiva con me“.
In altri casi, il ricatto emotivo si articola sulla deresponsabilizzazione: quello che ho fatto, l’ho fatto perché tu mi hai costretto, tu mi hai obbligato.

Ecco, quindi, che tradimenti o altri terribili atteggiamenti (bere, essere aggressivo fisicamente ed emotivamente, spiare e controllare) diventano “colpa” della vittima.
Sei stata tu a rendere il tuo partner… un ricattatore emotivo!
Ovviamente la questione non è assolutamente così: prima di capire come affrontarla, però, bisogna rendersi conto del fatto di essere vittima di un ricatto emotivo.
Il tuo partner, quindi, ti fa sentire sempre in colpa e fa leva su questo meccanismo per “estorcertiquello che vuole?
Se ti ritrovi a scusarti spesso, a difenderlo anche di fronte ad amici e parenti, a cercare le tue responsabilità e a camminare sulle uova intorno a lui c’è una buona probabilità che il tuo partner ti stia ricattando emotivamente.

Cosa puoi fare per liberarti di questa terribile situazione?

Come individuare e combattere un ricatto emotivo

Partiamo dalle basi: ti sta ricattando emotivamente?
Puoi riconoscere il ricatto emotivo se ti rendi conto che non puoi dire niente al tuo partner, per nessun motivo al mondo.
Devi stare attenta a far presente i tuoi bisogni, devi fare lunghi giri di parole per spiegarti, devi giustificarti perché vuoi essere trattata con amore e rispetto.
Se non usi le giuste parole o non fai le giuste considerazioni (che? Ma non basterebbe parlare?) il tuo partner inizia a minacciarti di lasciarti, addirittura di togliersi la vita oppure ti dice che la colpa dei vostri problemi è solo tua.

Bene, se questa situazione ti è familiare, possiamo ben dire che sei vittima di un ricatto emotivo.
(E, ovviamente, se ti rendi conto che invece sei tu a fare questo al tuo partner è forse il caso di fare un passo indietro e chiedersi se non sei tu… la ricattatrice!).

LEGGI ANCHE –> Il tuo partner è uno dei segni più manipolatori dell’oroscopo?

Combattere un ricatto emotivo, ovviamente, non è semplice. Non possiamo sapere che cosa lega te ed il tuo partner o perché lui si comporti in questa maniera.
Quello che possiamo dirti, senza mezzi termini, è che vivere una relazione nella quale si ha paura e bisogna stare attenti a quello che si dice è sbagliato.
Cosa puoi fare, quindi, per liberarti da questa situazione?

La risposta più semplice sarebbe quella di interrompere i rapporti. Certo, non sempre è possibile ma è anche vero che allontanarti da una persona tossica non è così sbagliato!
Altri metodi possono essere quello di tenere un diario, in modo da annotare ogni volta che il tuo partner ti addossa una colpa e usarlo in caso ti dovesse servire come prova, oppure anche di ripartire da te stessa. Riprenditi i tuoi spazi, senza scuse o giustificazioni: ristabilisci la tua indipendenza, esci con le amiche, trovati un hobby che sia tuo e solo tuo!

Infine, importantissimo, prova a chiedere aiuto: ad un terapista, magari esperto di problemi di coppia, e ad amici o parenti.
Parla! Racconta che cosa ti succede e come ti senti e chiedi a qualcuno di testimoniare della vostra situazione. Il tuo partner, ovviamente, dev’essere il primo al quale fare presente che i suoi atteggiamenti stanno rovinando la vostra relazione.
Diciamoci la verità: tu vuoi rimanere con qualcuno che ti ricatta per tutta la vita?
La risposta, lo sappiamo già, è ovviamente no: agisci subito!