Problemi di secchezza vaginale? Cause e rimedi sorprendenti

La secchezza vaginale sta diventando un problema? Scopri da cosa dipende e quali rimedi possono aiutarti a sconfiggerla per sempre.

Molte più donne di quante si pensi possono soffrire di secchezza vaginale. Un problema che può presentarsi in diverse fasi della vita e che alle basi ha origini e cause ben diverse tra loro.

secchezza vaginale
(Adobe Stock photo)

Se anche a te è capitato o sta capitando di avere questo problema, quindi, la prima cosa da sapere è che non sei la sola. La seconda, è che una volta comprese le cause, trovare un rimedio sarà sicuramente più semplice. Impariamo quindi a conoscere meglio la secchezza vaginale e scopriamo come affrontarla e contrastarla in modo vincente.

Secchezza vaginale: ecco perché si presenta

Quando si parla di secchezza vaginale si intende la ridotta o mancata lubrificazione delle parti intime. Un problema che ancora molte donne evitano di comunicare al medico e che andrebbe invece affrontato come un qualsiasi altro problema legato alla sfera personale.

secchezza vaginale
(Adobe Stock photo)

Se non trattata, infatti, la secchezza vaginale può peggiorare e portare a rapporti dolorosi, a micro traumi in zona dati dall’assottigliamento delle pareti vaginali ed altri problemi che, alla lunga, possono limitare la qualità della vita.

LEGGI ANCHE -> Perdite trasparenti: di cosa si tratta e quando parlarne con il medico

Per prima cosa, quindi, il consiglio è quello di parlarne con il ginecologo, cercando insieme le possibili cause. Cosa che agevolerà senz’altro la scelta del rimedio più adatto. Nella maggior parte dei casi, a generare la secchezza vaginale è un calo di estrogeni che può verificarsi per diversi motivi. Tra questi ci sono:

  • La menopausa
  • Il post gravidanza
  • Il periodo dell’allattamento
  • Il fumo
  • L’uso di farmaci
  • Lo stress eccessivo
  • Alcune patologie autoimmuni

Come prevedibile, si tratta quindi di cause che possono coinvolgere la donna a qualsiasi età e che possono ricondursi a motivi ben diversi tra loro. Riuscire ad individuare quello giusto, però, può far molto sia per una diagnosi accurata che per la possibilità di trovare la cura più adatta.

I rimedi naturali (e non) per affrontare il problema

Che si tratti di un problema temporaneo o con il quale dover convivere (cosa che può accadere quando ci si trova ad assumere farmaci che non si possono evitare), la secchezza vaginale va affrontata nel miglior modo possibile. Per farlo si può ricorrere a rimedi naturali o all’uso di lubrificanti di ultima generazione ed in grado di tamponare il problema.

secchezza vaginale
(Adobe Stock photo)

La scelta giusta andrà presa insieme al proprio medico e valutando la propria situazione, le cause riscontrate e l’entità del problema. Detto ciò, tra i rimedi più usati e che sembrano dare buoni risultati ci sono l’assunzione della soia o l’uso di integratori a base di trifoglio rosso.

In entrambi i casi si tratta di prodotti che contengono estrogeni che possono aiutare a combattere la secchezza. In base alla condizione di chi soffre di secchezza vaginale, possono però non essere l’ideale. Sopratutto se si sta seguendo una terapia per evitare gli estrogeni.

LEGGI ANCHE -> Qual è il sapone intimo ideale? Ecco come scegliere quello perfetto per te

In alternativa, ci sono dei lubrificanti a lungo rilascio che aiutano in tal senso e che grazie all’aggiunta di acido ialuronico possono ridurre il problema, eliminando al contempo altri sintomi ad esso correlati come i bruciori, la facilità alle infezioni e il dolore durante i rapporti.

Ciò che conta è scegliere sempre di affrontare il problema e trovare il medico giusto con cui parlarne. Fatto ciò si potrà passare a scegliere la soluzione più adatta alla propria persona, riuscendo così a riappropriarsi della propria vita ed eliminando ogni possibile fastidio.