Crema pasticcera che fa impazzire, forse hai sempre commesso questo errore

Un ingrediente fondamentale per i nostri dolci, ma rischiamo di farci venire i nervi quando la prepariamo: relax,invece, la crema pasticcera è facile da preparare

La mia crema pasticcera è sempre troppo dura, oppure sa troppo di farina, o ancora ha un forte sapore di uovo e non è equilibrata. Quante volte, almeno nei primi tempi, l’avete preparata e vi siete disperate per questi piccoli o grandi inconvenienti?
Eppure è un ingrediente fondamentale per le nostre torte, quindi meglio imparare come muoversi anche perché non vorrete mica farvi battere dalle vostre amiche? Leggete qui, sicuramente c’è qualche errore che avete commesso o commettete ancora e che potete rimediare in fretta.

->> LEGGI ANCHE: Crema al caffè da applausi, se fate questi errori sarà un disastro

Partiamo da una domanda fondamentale per la buona riuscita finale della crema pasticcera. Come fare per capire quando è veramente cotta e possiamo toglierla dal fuoco? Il consiglio di base, specialmente nei primi tempi, è quello di avere a portata di mano un termometro.
Infatti quando versate il composto nel pentola per finire la cottura dovrete mescolare di continuo con una frusta a mano per evitare i grumi. Ma questo rischia di abbassare la temperatura della crema pasticcera: quindi fatela arrivare a 85° e a quel punto spegnetela. Poi versatela in una ciotola e copritela con la pellicola da cucina a contatto.
L’errore che non dovete commettere? Lasciare la vostra crema ancora sul fuoco oppure nel pentolino dove l’avete cotta, anche dopo aver spento il fornello. Perché comunque continua a cuocere e quindi il rischio che diventi dura è concreto. Invece, entrando in contatto con una ciotola fredda sarete sicure di bloccare la cottura.

Crema pasticcera che fa impazzire, tutti gli errori che possiamo evitare

crema
Adobe Stock

Tolto di mezzo l’errore più comune, esaminiamo insieme gli altri a partire dai tempi. L’operazione per incorporare lo zucchero nei tuorli deve essere molto veloce e fatta con una frusta a mano. Quando avete ottenuto una bella cremina, fermatevi e passate alla fase successiva.
Ricordatevi sempre di usare anche il sale, nonostante sia una ricetta dolce, perché esalta i sapori in modo naturale e attenua il sapore forte di uova nella crema.

->> LEGGI ANCHE: Crema chantilly perfetta, tutti gli errori che ci penalizzano: dovete fare così

Se però alla fine della cottura la vostra crema pasticcera ha un aspetto simile a quello delle uova strapazzate, significa solo una cosa sola: avete alzato troppo la fiamma, superando gli 85°. In quel caso c’è solo una soluzione da adottare, rifarla.
Se invece la crema ha tanti grumi, significa che non avete setacciato bene la farina prima di incorporarla e che non l’avete girata bene con la frusta: fate attenzione.

crema
Canva

E alla fine, se la crema pasticcera non ha una bell’aspetto morbido ma compatto ed è rimasta troppo liquida? Potete aggiungere qualche grammo di gelatina in fogli fatta reidratare in acqua tiepida. Mescolate fino a quando è assorbita, dovrebbe bastare.