Meghan Markle umiliata da Obama: non è abbastanza VIP! Ecco perché

Meghan Markle e gli Obama sono stati molto vicini in passato e negli ultimi tempi la Duchessa sperava di poter contare ancora sul loro supporto, ma è stata delusa. Ecco cosa è andato storto nei piani di Meghan.

Quando i Duchi di Sussex si sono trasferiti lontano dal Regno Unito hanno tentato in tutti i modi di mantenere uno status da reali anche senza far parte della Royal Family. Naturalmente negli Stati Uniti non esistono Re e Regine, né tantomeno Principi, Duchi e Duchesse. Per questo motivo i Sussex sapevano di dover dare la scalata all’alta società americana contando sulle amicizie giuste e sui giusti giochi di potere.

Dalla loro parte i Duchi avevano amici molto influenti pronti evidentemente a tendere loro una mano per approfittare, in futuro, del debito di riconoscenza di Harry e Meghan.

Tra coloro che si sono impegnati ad aiutare la coppia compaiono certamente gli amici che Meghan ha nel settore cinematografico e televisivo, tra i quali Oprah Winfrey, l’unica donna al mondo che Barbara D’Urso segue sui social.

Oprah ha messo la propria casa a disposizione di Harry e Meghan (che finalmente sono riusciti a mettere fine alla strana serie di traslochi che hanno dovuto affrontare in America) e in cambio ha ottenuto la “chiacchierata amichevole” durante la quale i Sussex hanno fatto delle pesantissime accuse di razzismo alla Famiglia Reale provocando un ulteriore scandalo e peggiorando i rapporti con la Regina e con il Principe Carlo.

Grazie a quell’intervista Oprah Winfrey è stata candidata agli Emmy, cioè agli oscar della TV americana: un premio prestigiosissimo.

Oltre alla famosissima conduttrice televisiva, però, Meghan e Harry contavano anche sull’appoggio di una famiglia molto potente: quella degli Obama. Gli Obama, e in particolare l’ex Presidente, hanno però deciso di escludere i Sussex da un evento importantissimo. 

Obama umilia Meghan Markle e ignora l’amicizia con Harry

meghan markle obama
(Instagram)

Barack Obama e il Principe Harry sono sempre stati molti vicini dal punto di vista politico e hanno collaborato con grande piacere a sponsorizzare iniziative sportive e di beneficenza. I due, caratterizzati dalla stessa abilità comunicativa e dalla stessa capacità di scherzare in ogni occasione, realizzarono un video storico che ebbe come protagonista assoluta proprio la Regina.

Oggi quei momenti in cui Harry e l’adorata nonna condividevano iniziative e tempo in famiglia sembrano lontanissimi, quindi rivederli è proprio un colpo al cuore.

All’epoca gli Obama “sfidarono” gli inglesi a nome di tutti gli Americani: chi avrebbe vinto più medaglie durante gli Invictus game? La Regina raccolse la sfida con l’aria di chi aveva già la vittoria in tasca, pronunciando un “oh, per favore!” che passò alla storia.

Meghan dal canto suo ha sempre combattuto per gli stessi valori e per gli stessi principi sui quali Michelle Obama ha costruito la propria figura politica: la difesa dei diritti delle donne, la protezione dell’infanzia e il sostegno alle classi sociali più disagiate.

Leggi Anche => Harry e Meghan fattorini in tempi di pandemia: quando alla tua porta bussa un Principe

Proprio per questi motivi, e per la stima che gli Obama avevano riconosciuto a Harry in più di un’occasione, Meghan sperava di essere invitata a uno degli eventi più esclusivi dell’anno, cioè il grande party di compleanno per i 60 anni dell’ex Presidente degli Stati Uniti.

La festa di compleanno si terrà nella lussuosissima tenuta degli Obama sull’isola del Massachussetts che fu la residenza della vecchia nobiltà americana ma anche della famiglia Kennedy.

La casa che Obama possiede sull’isola di Martha’s Vineyard vale ben 12 milioni di dollari, è ampia 650 metri quadri e comprende una tenuta vista mare di ben 120 chilometri quadrati.

Gli invitati al party di compleanno di Barack Obama sono stati circa 500 e tutti appartengono alla classe più alta delle celebrity e delle personalità americane che sono da sempre vicine al Presidente, condividendone gli ideali e le battaglie politiche.

Per fare qualche nome, sono stati invitati i Clooney, Steven Spielberg e i Pearl Jam. Ad aver ricevuto l’invito è stata anche Oprah Winfrey, che però non potrà portare con sé gli amici Harry e Meghan.

I Duchi infatti non sono stati nemmeno presi in considerazione per la lista degli ospiti perché considerati “celebrità di serie B”.

La scrittrice Angela Levin, che nel 2018 ha scritto una biografia di Harry e che ha sempre seguito molto da vicino la storia della Famiglia Reale, ha commentato: “Mi hanno riferito che Meghan voleva disperatamente essere l’ospite speciale alla festa degli Obama, ma non è rientrata nella classifica delle persone più importanti degli Stati Uniti”.

Sempre la Levin riferisce che Meghan abbia utilizzato la solita scusa degli esclusi, giustificando la sua assenza al party con un classico “non ho potuto partecipare”.

Un bello smacco per la Duchessa, che certamente sperava di utilizzare quest’occasione per dimostrare in maniera incontestabile di essere stata accettata nell’America che conta. La strada, a quanto pare, è ancora molto lunga.