Donnarumma subito dopo la parata decisiva: ma perché ha fatto una cosa simile?

Donnarumma rigore
Foto da GettyImages

Donnarumma ha fatto la parata decisiva che ha portato l’Italia a vincere l’Europeo 2020 ma non ha esultato: sapete perché? Il motivo è veramente particolare.

E’ diventato il terzo più giovane portiere a disputare una finale tra Europei e Mondiali e forse, proprio la sua giovante età, gli ha giocato un brutto scherzo.

Nel momento di cui Gigio Donnarumma si è esibito nella parata decisiva, quella che ha regalato all’Italia il tetto d’Europa, tutta la squadra è saltata in piedi, come una scossa elettrica che ha fatto esplodere la generale esultanza.

Generale già ma non per il portiere azzurro. Donnarumma è infatti rimasto impassibile, di marmo, come se fosse convinto di mantenere un alto livello di concentrazione per il prossimo rigore. Il dubbio è dunque venuto un po’ a tutti: ma si era reso conto di esser campione d’Europa? Il video che vi mostriamo qua sotto rivela tutta la verità.

Donnarumma para l’ultimo rigore ma non esulta: svelato il perché

Donnarumma nazionale
Foto da GettyImages

Una scelta particolare quella di Donnarumma, la scelta di non gioire dopo la parata decisiva ha lasciato attoniti e soprattutto confusi moltissimi italiani: in tanti si sono chiesti se davvero fossero campioni d’Europa, anche perché il protagonista principale sembrava lo fosse diventato senza nemmeno essersene accorto.

Ammettiamolo, la tensione era tale che in molti hanno esitato: in giro si sono visti diversi filmati che testimoniano come l’esultanza non è venuta spontanea, automatica o immediata. Verrebbe dunque da dire “Donnarumma uno di noi” anche se certo l’esitazione del portiere è stata più che prolungata.

LEGGI ANCHE –> Gianluigi Donnarumma, chi è: età, altezza, stipendio e la decisione sconvolgente per la sua carriera

Nel filmato qua sotto vediamo infatti come Donnarumma resti impassibile, di marmo anche quando vede la squadra correr verso di lui. Poi Belotti salta sulle spalle del portiere, gli urla qualcosa nell’orecchio ed ecco che tutto cambia: l’esultanza esplode, Donnarumma alza i pugni al cielo e, con infinita grinta, lascia dilagare tutta la sua gioia.

Tranquillo caro Gigio, anche noi eravamo alquanto confusi, attoniti per la troppa gioia o perché tutti quei rigori parati e sbagliati avevano un po’ confuso anche noi. Alla fine però tuti abbiamo festeggiato e come!