I capelli come Giulia Salemi: arrendiamoci al crespo dell’estate con dignità

capelli mossi tecnica trecce giulia salemi
(Chedonna.it)

I capelli mossi con le tecnica delle trecce si ottengono in pochi minuti e, senza spendere una fortuna dal parrucchiere avrai la chioma leonina come Giulia Salemi.

I capelli di Giulia Salemi, lunghi, intensamente castani e bellissimi con ogni tipo di piega, sono sicuramente il sogno di molte ragazze. Ultimamente Giulia li sta portando mossi e naturali ed è una scelta che saremmo in molte a dover fare. D’estate infatti è piuttosto inutile tentare di mantenere una piega perfettamente liscia, perché l’umidità dell’aria, la salsedine e il sudore tenderanno a far increspare i capelli nel giro di pochissimo tempo.

Inoltre, d’estate facciamo lo shampoo molto più spesso che in inverno, quindi stirare i capelli con la piastra o con il phon ogni volta che li si lava significa sottoporli a uno stress enorme.

Vuoi una piega mossa e naturale per i capelli lunghi come Giulia Salemi? Ecco una soluzione rapida, semplice e soprattutto che non rovina i capelli.

Capelli mossi con la tecnica delle trecce: copiamo Giulia Salemi

Capelli mossi tecnica trecce giulia salemi
(Instagram)

Le onde naturali tipiche dell’estate possono essere realizzate con diverse tecniche, alcune più elaborate di altre.

L’importante è che il risultato regali ai capelli lunghi un aspetto voluminoso ma disciplinato. Per farlo sarà bene trattare i capelli con prodotti appositi che siano in grado di mantenerli in forma senza appiccicare.

Una cosa a cui invece sarà meglio arrendersi è invece l’effetto crespo all’altezza delle radici e del primo tratto delle lunghezze: d’estate è praticamente impossibile evitarla perché proprio dalla testa si sprigiona gran parte del nostro sudore e poi perché è sul capo che si “appoggiano” le goccioline di umidità che si trovano presenti in sospensione nelle afose serate estive.

Questa piega tuttavia è assolutamente perfetta per nascondere e minimizzare l’inevitabile effetto crespo, che finirà con il fondersi alle onde realizzate sulla lunghezza della chioma.

Tutti gli step da seguire per ottenere una piega per capelli mossi con la tecnica delle trecce: 

Prodotti e Asciugatura

Dopo aver lavato i capelli e averli strizzati nell’asciugamano (avete mai provato la tecnica del plopping per velocizzare le operazioni? È fantastica!) sarà necessario distribuire sui capelli una spuma modellante per favorire la formazione di onde definite.

A questo punto si dovrà procedere ad asciugare i capelli con il phon spazzolandoli lo stretto necessario. Sarà importante non asciugare i capelli del tutto ma fare in modo che i capelli rimangano leggermente umidi.

Divisione e trecce

A questo punto bisognerà dividere la testa in varie ciocche. Ogni ciocca andrà intrecciata con una classica treccia a tre capi. Bisognerà prestare attenzione a creare ciocche più o meno grandi uguali e a non intrecciare i capelli a partire dalla radice, ma a un po’ di distanza dalla testa.

Questo permetterà di ottenere un effetto identico a quello sfoggiato da Giulia Salemi nelle sue foto di Ponte Vecchio a Firenze: i capelli saranno più lisci intorno alla testa e mossi sulle punte.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giulia Salemi (@giuliasalemi)

Creazione delle onde

Dopo aver intrecciato tutti i capelli e aver fermato ogni treccia con un piccolo elastico abbastanza stretto da tenerla ben ferma, sarà necessario scegliere quale strada intraprendere per ottenere l’effetto desiderato.

La tecnica delle trecce senza calore consiste semplicemente dal far lavorare il tempo sui capelli: basterà semplicemente attendere che i capelli si asciughino alla temperatura naturale dell’aria e sciogliere le trecce all’ultimo momento possibile. Fondamentale è non spazzolare i capelli ma limitarsi a districarli con le dita.

Chi non ha ore a disposizione per lasciare che la natura faccia il suo corso (o chi ha semplicemente poca pazienza!) potrà invece abbinare la piastra alla tecnica delle trecce: dopo aver realizzato le trecce occorrerà piastrarle per fissare la forma.

La piastra non andrà fatta scorrere, ma chiusa su ogni segmento, lasciata in posa per qualche secondo e quindi riaperta per ripetere la stessa operazione sul segmento successivo.

Un suggerimento importante: se si decide di utilizzare questa tecnica con la piastra molto spesso nel corso dell’estate sarà fondamentale utilizzare un prodotto termo protettore sui capelli al fine di non bruciarli e sfibrarli.

Se le punte daranno l’impressione di essere un po’ secche (come accade sempre in estate) l’ideale sarà idratarle e lucidarle con olio di cocco o di semi di lino. Lo stesso olio potrà essere usato in piccolissime quantità sulle radici per prevenire e limitare il famoso effetto crespo di cui si parlava prima.