Leonardo Spinazzola, chi è: età, altezza, stipendio, la vita con la ballerina e l’aiuto del dentista

Leonardo Spinazzola (Getty Images)
Leonardo Spinazzola (Getty Images)

Leonardo Spinazzola, terzino della Nazionale Italiana in forza alla Roma, protagonista della fase iniziale di Euro 2020.

Leonardo Spinazzola si sta mettendo particolarmente in mostra nel corso di questa fase iniziale di Euro 2020. MVP della gara d’esordio contro la Turchia, si prepara ad affrontare la Svizzera in grande spolvero: soddisfazione, ma anche sacrificio. Quello che il terzino, con possibilità di passare all’esterno di centrocampo, fa da sempre: prima l’Empoli, poi l’Atalanta, la parentesi alla Juve, la Roma e un mancato approdo all’Inter che sa di beffa più per i nerazzurri che per i giallorossi. La Capitale se lo coccola, gode delle sue prestazioni in campionato e coppa. La maglia azzurra lo attende, Mourinho pure. La sua vita è il giusto mix fra passione, professionalità e disciplina.

Leggi anche – Christian Eriksen, le prime parole dall’ospedale: ecco come sta

Leonardo Spinazzola carriera

Leonardo Spinazzola (Getty Images)
(Getty Images)

Lo confermano le varie fasi della sua carriera: con l’Atalanta 48 presenze totali e 0 gol, a Roma le presenze complessive sono 51 e 3 invece le reti segnate. Crescita esponenziale figlia di esperienze diverse fra loro, nel mezzo le parentesi al Siena e al Perugia. Ma anche Lanciano ed Empoli. Spinazzola non si tira indietro mai: ogni opportunità per lui è una nuova sfida, un anno fa doveva andare all’Inter.

Conte lo aspettava: la trattativa, che prevedeva uno scambio con Matteo Politano, saltò perché i nerazzurri non si fidarono delle condizioni dell’ex bianconero dopo aver effettuato alcuni test. Dubbi rispediti al mittente qualche tempo dopo: Leonardo seppe anche togliersi qualche sassolino dalla scarpa. “Dicono che sto male, ma io non sono mai stato meglio. Poi lascio fare agli altri, ma so quello che valgo”.

Disciplina, professionalità e famiglia: i segreti di Leo

Il valore del ragazzo cominciano a capirlo anche gli altri: avversari e compagni di squadra. Un fisico plasmato ad ogni esigenza. Il costante lavoro posturale, anche con l’aiuto di un byte, sta dando i suoi frutti. L’ossatura fragile si sta rafforzando per evitare guai e infortuni:  la conformazione fisica sta cambiando in meglio.

Mancini e Mourinho se lo godranno nella miglior condizione, fra i sostenitori anche due tifosi d’eccezione: i figli Mattia e Sofia, che sostengono il papà anche a casa. Durante gli allenamenti personalizzati. Stesso discorso vale per la moglie Miriam, ex ballerina sposata a Natale. In attesa di rivederlo in campo, possiamo apprezzarlo fuori anche grazie alla semplicità della sua famiglia: unita, forte e determinata proprio come lui.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Leonardo Spinazzola (@spina_leo)