La coda alla Brigitte Bardot come Elena Santarelli? Tutte le piccole astuzie per rifarla a casa!

capelli elena santarelli
(Chedonna.it)

I capelli di Elena Santarelli sono il sogno di molte donne, soprattutto di coloro che amano le chiome lunghe. Anche Elena però ha caldo, ma se raccoglie i capelli lo fa con lo stile assoluto che la contraddistingue: ecco come realizzare una coda di ispirazione retrò come la sua.

D’estate i capelli lunghi, che sono motivo di gioia e di orgoglio durante l’inverno, danno un sacco di grattacapi: sono difficilissimi da domare, spesso tendono a gonfiarsi in maniera incontrollata, si increspano a contatto con l’umidità e perdono la piega in uno schiocco di dita.

Per questo motivo portare i capelli raccolti in estate è una necessità quasi assoluta ma di certo non si può andare in giro sempre con una banalissima ponytail. Ecco allora come rendere indimenticabile e raffinata anche l’acconciatura che abbiamo realizzato cento volte e che portiamo fin da quando eravamo bambine.

La coda cotonata e un po’ retrò: copiamo i capelli di Elena Santarelli

capelli elena santarelli
(Instagram)

Come hanno avuto cura di scrivere su Instagram i follower di Elena, la coda un po’ cotonata realizzata e portata qualche giorno fa dalla Santarelli ricorda (molto da vicino) l’acconciatura di un’altra biondissima che, però, ha fatto la storia del cinema e del costume contemporaneo.

Si tratta di Brigitte Bardot, la quale a quanto pare nel corso dell’estate 2021 è tornata prepotentemente a dettare legge in fatto di acconciature raccolte e semiraccolte, che sono diventate inaspettatamente retrò nel corso degli ultimi mesi.

Leggi Anche => Tutte le acconciature anni Sessante che devi assolutamente imparare a realizzare

Per realizzare una coda come quella di Elena Santarelli sarà necessario innanzitutto dividere la capigliatura in due metà, come se si volesse realizzare un’acconciatura semi raccolta.

La parte inferiore, cioè quella vicina alla nuca, andrà ben tirata e raccolta tramite un elastico di piccole dimensioni. Si otterrà una piccola coda di cavallo che andrà divida nuovamente in due metà, quella superiore delle quali andrà fissata con una pinzetta al resto dei capelli per aumentare leggermente il suo volume.

A questo punto si dovrà passare alla metà superiore della chioma. Per ottenere l’effetto leggermente bombato sulla sommità della testa sarà strettamente necessario realizzare una leggera cotonatura utilizzando un pettine a denti piuttosto stretti, da passare nel senso contrario rispetto a quello in cui normalmente pettiniamo i capelli.

Cotonando leggermente i capelli si otterrà quindi una leggera tensione che dovrà essere accuratamente mantenuta quando si andrà a realizzare una seconda coda di cavallo, più alta rispetto alla seconda, e che comprenda anche quest’ultima.

Per realizzare un’acconciatura perfetta sarà molto importante gestire i volumi a perfezione, facendo in modo che i capelli siano ben aderenti alla nuca e alle tempie, in maniera da accentuare la leggera bombatura realizzata sulla parte superiore della testa.

Per mantenere l’effetto il più a lungo possibile si potrà utilizzare una piccola quantità di lacca per aiutare la cotonatura a rimanere in forma.

Un ulteriore accorgimento, per rendere la coda alla Brigitte Bardot più contemporanea, consiste nel coprire l’elastico con una ciocca di capelli arrotolata intorno ad esso e poi fissata con una forcina.

Per dare un po’ di volume alla coda e conferire all’acconciatura l’adorabile “effetto spettinato” che ha reso iconica Brigitte Bardot, si potrebbe pensare di cotonare leggermente anche le lunghezze dei capelli, in maniera da farli apparire più gonfi.

Questa acconciatura sta benissimo alle donne dal viso rotondo, ovale o quadrato, perché tende ad allungare leggermente il volume verticale del viso. Chi ha il viso molto allungato o molto magro non dovrebbe purtroppo rinunciare a un’acconciatura alla Brigitte Bardot per non accentuare l’eccessiva magrezza del volto rispetto alla sua lunghezza.