Come conservare il vino una volta aperta la bottiglia? A quanto pare abbiamo sempre sbagliato

Una bottiglia di vino aperto rischia di trasformarsi in breve tempo in un vero e proprio spreco: abbiamo sempre pensato di conservarlo al meglio ma commentavamo un grosso errore.

Una bella bottiglia di vino è il completamento ideale di ogni pasto a patto certo che sia un buon vino. Ciò non significa però solo saper scegliere la giusta bottiglia ma anche saperla mantenere al meglio.

Che fare infatti una volta che la bottiglia è stata aperta? Se il vino non viene subito finito infatti occorrerà trovare il miglior modo per conservarlo, evitando che perda gusto o che si alteri.

A quanto pare potremmo avere sempre sbagliato in questo delicato momento e il vino avrà perso così il gusto senza che neanche ce ne fossimo accorte.

Ma dove è l’errore e come correggerlo? Scopriamolo insieme continuando a leggere qua sotto.

Come conservare il vino una volta aperta la bottiglia

vino
Foto da Canva

La prima domanda da porsi è: quanto dura in generale una bottiglia di vino aperta? La risposta varia da vino a vino ma anche e soprattutto in base al modo in cui la conserveremo.

Il primo dettaglio, se così vogliamo definirlo, che sempre ci è sfuggito ma che in realtà risulta essenziale pare esser la temperatura. Ogni vino vuole infatti una temperatura ideale, anche in estate, quando vorremmo solo bevande ghiacciate: non tutti i vini sono fatti però per esser portati a temperature tropo basse.

La prima cosa da fare, in ogni caso, è procurarsi dei tappi che garantiscano l’ermeticità di quello originale che abbiamo stappato. Il frigorifero infatti non regala solo freschezza ma anche tanta umidità che, se si insinuasse nel vino, lo rovinerebbe in modo irreparabile.

LEGGI ANCHE –> Non abbinare questi cibi a un calice di vino: il risultato sarebbe disastroso!

Il vino più difficile da conservare è comunque il vino rosso, delicato per eccellenza. Gli esperti ci dicono che dovrebbe esser consumato, una volta aperto, entro 5\6 giorni, a patto però di tenerlo non in frigo ma in un luogo buio e fresco ma asciutto.

Bianco e rosè invece andranno estremamente d’accordo con il frigorifero e, una volta aperti, sempre se ben chiusi, potranno durare qualche giorno in più.

Il meno longevo in assoluto una volta aperto è però il prosecco: le bollicine infatti vanno bevute entro 48\2 ore dall’apertura.

Ricordate però, in ogni caso la chiusura ermetica sarà essenziale così come la temperatura, quella giusta ovviamente.

Da leggere