Non abbinare questi cibi a un calice di vino: il risultato sarebbe disastroso!

Non tutti i cibi si sposano bene con un calice di vino, anzi ci sono alcuni accoppiamenti che andrebbero proprio evitati: ecco gli alimenti da non abbinare.

Che sia bianco, rosso o rasato il vino non si sposa bene con tutti gli alimenti: ci sono infatti alcuni cibi il cui abbinamento sarebbe davvero disastroso.

Questo è dovuto a una questione chimica che dipende dalle particolari caratteristiche dell’alimento in questione e dal vino, meno dal gusto personale. A sostenere tale tesi è anche una famosa blogger del settore vinicolo Karen MacNail. 

Alcuni cibi rendono l’associazione con il vino molto difficile anzi a tratti perfino disastrosa. E se gustare un buon calice di vino deve essere soprattutto un piacere scopriamo quali sono gli abbinamenti assolutamente da evitare. 

Ecco i cibi da non abbinare al vino

cibi abbinare vico
Fonte: Canva

Al di là del gusto personale di ciascuno di noi, ci sono degli abbinamenti di cibi e vino praticamente impossibili a livello gustativo. La loro somma infatti può risultare del tutto spiacevole e disgustosa.

Se allora non volete rovinare la vostra esperienza sensoriale con un piacevole calice di vino è bene conoscere gli alimenti da non abbinare a questo gradito nettare.

1) Carciofo. La colpa risiede nei tannini, infatti, nel carciofo è presente la cynarina un acido organico ricco di tannini, presenti anche nel vino, specie nel rosso. Se associamo i due tipi di tannini si genera una sensazione piuttosto spiacevole al palato di allappamento. Non cambia il discorso con i bianchi. Insomma, il consiglio è di evitare il vino quando si mangiano i carciofi specialmente se crudi. Da cotti perdono parte dei tannini quindi se consumati con un vino poco tannico un tentativo si può fare. Ma negli altri casi è megllio evitare.

2) Finocchio. Non è da meno quest’ortaggio prezioso per il nostro organismo che mal si sposa però con il vino. Il motivo riguarda il sapore troppo accentuato della verdura che rischia di sovrastare quello del vino. Questo fatto è dovuto all’anetolo una sostanza presente nel finocchio che dona all’alimento quel sapore dolciastro tipico dell’anice. Un aroma piuttosto coprente che tende ad alterare gli altri sapori, vino compreso. E meno che il finocchio non sia un ingrediente secondario in un piatto è bene evitare questo connubio.

3) Frutta fresca. Un abbinamento del tutto improbabile è anche quello del vino con la frutta fresca, sia per l’elevata acidità di gran parte di essa ma anche per la struttura leggera che ha. Per fortuna la frutta è un alimento che spesso di consuma a colazione o merenda quindi difficilmente ci sarà la necessità di abbinarla con il vino.

4) Caco. E se è sconsigliato abbinare la frutta fresca al vino, il connubio con il caco lo è ancora di più perché assai ricco di tannini. E stesso discorso del carciofo, anche abbinare il vino con il caco può generare quella fastidiosa sensazione di palato allappato.

5) Marinature, limone, aceto e agrumi in generale. Accostare al vino tutto ciò che è acido altamente sconsigliato. Se condite l’insalata con limone e aceto o se preparate le verdure grigliate e poi le irrorate di aceto allora evitate di bere il vino. I sapori fortemente acidi infatti ammazzano letteralmente il gusto del nettare.

6) Aglio e cipolla crudi. Anche questi due cibi dai sapori molto forti se consumati crudi rischiano di spegnere il sapore del vino. Quindi sconsigliato l’abbinamento. A meno che non siano cotti all’interno di una piatto, allora il discorso è diverso.

7) Crucifere. Tra le verdure anche broccoli, cavoli e cavolfiori non esaltano particolarmente il sapore del vino, anzi spesso lo rovinano. Questo è dovuto allo zolfo.

abbinare vino cibo
Fonte: Canva

8) Asparagi. Il problema del consumarli insieme deriva dal mercaptano contenuto nell’ortaggio. La soluzione può essere quella di cuocerli e ripassarli nel burro per alleviare il sapore forte e spiacevole. Scopri anche perché la pipì puzza dopo averli mangiati.

LEGGI ANCHE –> Vino avanzato | scopri come utilizzarlo in cucina e non solo

9) Uova. Quando si cuociono le uova, soprattutto quelle sode, rilasciano zolfo che alterano il sapore del vino.

10) Gelati e ghiaccioli. Non solo i cibi salati ma anche alcuni tipi di alimenti dolci mal si sposano con il vino. Qui però il problema non risiede nel sapore zuccherino, quanto nella temperatura. Gelati e ghiaccioli infatti anestetizzano le papille gustative e quindi non permettono di assaporare il vero gusto del vino. Discorso diverso per i dolci a base di gelato o quelli con la panna con un gusto più rotondo e morbido. In tal caso si può abbinare un vino da dessert.

Da leggere