Francesco Battiato ricordi le sue canzoni? Da “la Cura” a “E ti vengo a cercare”

Francesco Battiato: ricordi le sue canzoni più belle? Da La Cura a Ti Vengo a Cercare. Ascolta tutti i suoi brani più belli.

franco battiato
Franco Battiato (Getty Images)

Francesco Battiato nelle scorse ore ha spiazzato tutto il popolo del bel paese. In quanto nessuno in queste ore si aspettava di dover leggere la notizia della sua scomparsa, ma il cantautore e compositore, da tempo malato, ci ha lasciato, provocando un immenso vuoto nel cuore di tutte le persone che hanno avuto modo di poterlo conoscere.

Tanti sono stati gli omaggi dei personaggi appartenenti al mondo dello spettacolo che hanno avuto l’opportunità di poter collaborare con lui o semplicemente di apprezzare, come tutti noi del resto, le sue meravigliose opere che gli permetteranno di vivere in eterno. Tu ricordi le sue canzoni più famose? Canzoni che hanno fatto la storia non solo della musica italiana, ma anche da colonna sonora di tutta la vita.

La più famosa, in assoluto, è La Cura, ma nemmeno le altre sono da meno. Ecco le canzoni di Francesco Battiato più famose, fatte di testi e melodie che arrivano dritte al cuore di chi le ascolta.

CheDonna Facebook
Segui anche tu CheDonna su Facebook, clicca l’immagine ed entra nella nostra community!

Franco Battiato La cura: testo e video

LEGGI ANCHE –> Morto Franco Battiato, Morgan disperato: “L’unico che mi capiva”

“Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via,
dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti sollleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali
lo spazio e la luce per non farti invecchiare;
e guarirai da tutte le malattie.

Perchè sei un essere speciale
ed io avrò cura di te.

Vagavo per i campi del Tennessee,
come vi ero arrivato chissà
non hai fiori bianchi per me?
più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.
Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza,
percorreremo assieme le vie che portano all’essenza.
I profumi d’amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d’Agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto,
conosco le leggi del mondo e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali
lo spazio e la luce per non farti invecchiare;
ti salverò da ogni malinconia.

Perchè sei un essere speciale
ed io avrò cura di te.
Io sì che avrò cura di te”

Francesco Battiato Centro di gravità permanente – testo e video

“Una vecchia bretone
con un cappello e un ombrello di carta di riso e canna di bambù.
Capitani coraggiosi
furbi contrabbandieri macedoni.
Gesuiti euclidei
vestiti come dei bonzi per entrare a corte degli imperatori
della dinastia dei Ming.

Cerco un centro di gravità permanente
che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente
avrei bisogno di…
Cerco un centro di gravità permanente
che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente
over and over again

Per le strade di Pechino erano giorni di maggio
tra noi si scherzava a raccogliere ortiche.
Non sopporto i cori russi
la musica finto rock la new wave italiana il free jazz punk inglese.
Neanche la nera africana.

Cerco un centro di gravità permanente
che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente
avrei bisogno di…
Cerco un centro di gravità permanente
che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente
over and over again…

You are a woman in love baby come into my life
baby I need your love
I want your love
over and over again”

LEGGI ANCHE –> Addio a Franco Battiato: mondo della musica in lutto

Franco Battiato E ti vengo a cercare: video e testo

“E ti vengo a cercare
anche solo per vederti o parlare
perché ho bisogno della tua presenza
per capire meglio la mia essenza.
Questo sentimento popolare
nasce da meccaniche divine
un rapimento mistico e sensuale
mi imprigiona a te.
Dovrei cambiare l’oggetto dei miei desideri
non accontentarmi di piccole gioie quotidiane
fare come un eremita
che rinuncia a sé.
E ti vengo a cercare
con la scusa di doverti parlare
perché mi piace ciò che pensi e che dici
perché in te vedo le mie radici.
Questo secolo oramai alla fine
saturo di parassiti senza dignità
mi spinge solo ad essere migliore
con più volontà.
Emanciparmi dall’incubo delle passioni
cercare l’Uno al di sopra del Bene e del Male
essere un’immagine divina
di questa realtà.
E ti vengo a cercare
perché sto bene con te
perché ho bisogno della tua presenza”

Francesco Battiato Voglio vederti danzare: testo e video

“Voglio vederti danzare
come le zingare del deserto
con candelabri in testa
o come le balinesi nei giorni di festa.
Voglio vederti danzare
come i Dervisches Tourners
che girano sulle spine dorsali
o al suono di cavigliere del Katakali.
E gira tutt’intorno la stanza
mentre si danza, danza
e gira tutt’intorno la stanza
mentre si danza.
E Radio Tirana trasmette
musiche balcaniche, mentre
danzatori bulgari
a piedi nudi sui bracieri ardenti.
Nell’Irlanda del nord
nelle balere estive
coppie di anziani che ballano
al ritmo di sette ottavi.
Gira tutt’intorno la stanza
mentre si danza, danza.
E gira tutt’intorno la stanza
mentre si danza.
Nei ritmi ossessivi la chiave dei riti tribali
regni di sciamani
e suonatori zingari ribelli.
Nella Bassa Padana
nelle balere estive
coppie di anziani che ballano
vecchi Valzer Viennesi”

Franco Battiato Cuccurucucù: testo e video

“Cuccurucucu paloma ahia-ia-ia-iai
Cantava
Cuccurucucu paloma ahia-ia-ia-iai
Cantava
Le serenate all’istituto magistrale
Nell’ora di ginnastica o di religione
Per carnevale suonavo sopra i carri in maschera
Avevo già la luna e urano nel leone
“Il mare nel cassetto”
“Le mille bolle blu”
Da quando sei andata via non esisto più
“Il mondo è grigio il mondo è blu”.
Cuccurucucu paloma ahia-ai-ai-iai
Cantava
Cuccurucucu paloma ahia-ai-ai-iai
Cantava
L’ira funesta dei profughi afgani
Che dal confine si spostarono nell’Iran
Cantami o diva dei pellerossa americani
Le gesta erotiche di squaw “pelle di luna”
Le penne stilografiche con l’inchiostro blu
La barba col rasoio elettrico non la faccio più
“Il mondo è grigio il mondo è blu”.
Cuccurucucu paloma ahia-ai-ai-iai
Cantava
Cuccurucucu paloma ahia-ai-ai-iai
Cantava
Lady Madonna
I can try
With a little help from my friends
Oh oh goodbye Ruby Tuesday
Come on baby let’s twist again
Once upon the time
You dressed so fine, Mary
Like just a woman
Like a Rolling Stone
Cuccurucucu paloma ahia-ai-ai-iai
Cantava
Cuccurucucu paloma ahia-ai-ai-iai
Cantava
Coro:
Lady Madonna
I can try
With a little help from my friends
Oh oh goodbye Ruby Tuesday
Come on baby let’s twist again
Once upon the time
You dressed so fine, Mary
Like just a woman
Like a Rolling Stone”