Ti sveliamo i consigli di Jill Cooper per poter sfoggiare una forma fisica perfetta

Jill Cooper la personal trainer ci svela alcuni consigli per perdere peso in modo salutare e senza stressare il proprio corpo.

Un pò tutte noi siamo curiose su cosa fare per poter sfoggiare una forma fisica perfetta quando si aumenta con l’età. Si sa che il metabolismo cambia quando si raggiungono i 40 anni. Per non dimenticare di tutti i cambiamenti ormonali che subisce il corpo della donna in procinto o dopo la menopausa. La personal trainer Jill Cooper, la celebre conduttrice e coach americana nonostante abbia 52 anni ha un fisico da far invidia a molte donne. E’ molto conosciuta e famosa ma quale è il suo segreto a tavola? Che alimentazione segue Jill Cooper? Scopriamolo insieme.

I segreti di Jill Cooper per poter sfoggiare una forma fisica perfetta

Durante una trasmissione televisiva, Jill Cooper ha svelato alcuni consigli su come mantenere una forma fisica perfetta anche con l’avanzare dell’età.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JillCooper (@jillcoopersuperjump)

Quanto affermato dalla personal trainer, “L’importante è trovare equilibrio, il mio suggerimento è trovare una ritualità quotidiana, bastano 10 minuti tutti i giorni, alternando alcuni allenamenti più intensi a meno impegnativi, l’importante è darsi il tempo. Riconoscere i propri limiti per imparare a muoverci al meglio. Possiamo trasformare il nostro corpo e la nostra vita”.

Ma solo questo non basta si sa che il connubio tra alimentazione e attività sportiva è fondamentale per poter perdere peso in poco tempo e in modo salutare. Jill Cooper consiglia di ridurre dalla propria dieta alcuni componenti alimentari come grassi saturi, quelli che fanno aumentare peso, zucchero bianco e soprattutto carboidrati raffinati.

Si sa che questi componenti possono essere deleteri se si deve perdere peso. Inoltre si possono sostituire con carboidrati poco raffinati, ma talvolta non basta. Infatti per perdere peso non solo sono importanti la scelta degli alimenti da portare a tavola, le quantità ma anche alcune combinazioni alimentari.

Sembrerà banale, ma è importante prestare attenzione a ciò che si consuma regolarmente durante l’arco della giornata per vivere bene e in salute. Spesso abbinamenti sbagliati possono essere responsabili di cattiva digestione. Non solo potrebbero farci ingrassare. Visto che il nostro organismo ha bisogno di diversi nutrienti per evitare di andare incontro a carenze non si dovrebbero eliminare totalmente alcuni cibi. Il consiglio che possiamo darvi è di affidarvi ad un nutrizionista che saprà indicarvi la dieta adatta a voi in base all’età, chili da perdere, eventuali intolleranze o patologie.

LEGGI ANCHE–>Mangiare bene e sano si può, basta fare attenzione a queste combinazioni alimentari

Secondo il dottor Sacha Sorrentino sottoporsi a digiuni forzati non è per nulla salutare, per alcuni mangiare poco o saltare i pasti può essere di aiuto ma si potrebbe solo far diminuire il metabolismo. Jill Cooper ha collaborato con iò dottor Sacha Sorrentino e Veronica Cibello, hanno realizzato se così possiamo definirlo un vero e proprio manuale  basato sul dimagrimento morfologico. Si tratta di diete mirate e specifiche per le donne che hanno un fisico a forma di mela e di pera.

La personal trainer Jill Cooper inoltre afferma che la dieta cambia in base alla morfologia del corpo, perciò è nata l’esigenza di creare una dieta morfologia. Infatti per le donne che hanno una conformazione a pera, con la parte bassa del corpo più gonfia o grassa non dovrebbero eliminare i carboidrati dalla propria alimentazione. Perchè? Eliminare i carboidrati non le faranno perderanno peso corporeo nella parte bassa. Inoltre Jill Cooper consiglia di assumere carboidrati a pranzo e non a cena.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JillCooper (@jillcoopersuperjump)

Quindi i due esperti Jill Cooper e il dottor Sacha Sorrentino hanno riassunto la loro esperienza e le loro conoscenze scientifiche nel libro “Mai dire dieta – Il dimagrimento morfologico”.

(Fonte:Gazzetta dello Sport)

Da leggere