Emanuele Filiberto: “Ecco perchè devo tutto a mia moglie Clotilde”

Emanuele Filiberto deve tutto alla moglie Clotilde. Anche quando ha attraversato dei momenti difficile, lei è sempre stata lì accanto a lui. Ecco cosa gli è successo. 

Getty immages

Emanuele Filimberto ha dovuto lottare nel corso della sua vita ha dovuto affrontare due tumori benigni al naso. L’unico motivo per cui è riuscito ad andare avanti è stata la moglie Clotilde, unica sua ancora di salvezza.

Sposati dal 2003 i due hanno due figlie, Vittoria e Luisa. Nel 2020 Emanuele aveva rilevato al Maurizio Costanzo Show di aver tradito la moglie. Emanuele Filiberto ha risposto alle domande di Maurizio Costanzo in maniera sorprendente: “Potrei aver tradito mia moglie, chi non lo ha fatto?. Ma ho un grande rispetto per lei, è una grande donna e una grande mamma.

LEGGI ANCHE –> Vittoria e Luisa, figlie di Emanuele Filiberto: chi sono, età, altezza

Emanuele Filimberto e la moglie Clotilde

emanuele filiberto e clotilde courau
foto da instagram

Emanuele Filimberto ha spesso parlato in pubblico di sua moglie. “Sono abituato a dare sempre ascolto a mia moglie Clotilde e a tenere in gran conto i suoi consigli. Fortuna che l’ho fatto anche lo scorso autunno. Perché non avevo prestato la minima attenzione al raffreddore che mi aveva colto quel 25 settembre del 2011. Lo consideravo soltanto una gran seccatura, dal momento che mi trovavo in Canada per esibirmi in concerto insieme a Pupo. Tanto più che fino ad allora non mi era mai passato per la testa che potesse, un giorno, colpirmi qualcosa di grave”.

Emanuele ha sofferto per ben due volte di tumore al naso: “Lo specialista mi ha fatto una rinoscopia. Beh, quell’esplorazione delle cavità nasali con l’endoscopio ha rilevato una strana presenza all’interno del mio naso. Di qui, una serie di analisi e il verdetto: tumore sulla mucosa del setto nasale. In gergo si chiama poliposi nasale ed è, appunto, un’escrescenza anomala della mucosa. Nonostante la parola tumore, la diagnosi non mi ha preoccupato più di tanto. Il mio senso di invincibilità, evidentemente, non era ancora sopito. Proprio in quel periodo avevo iniziato a lavorare al mio programma televisivo Il principiante, sul canale Cielo, non avevo certo intenzione di interromperlo per farmi operare. Sono andato sotto i ferri a lavoro concluso, tre mesi dopo, prima di iniziare le registrazioni. La piccola massa tumorale che mi hanno asportato si è rivelata benigna e quel brutto episodio della mia vita sembrava terminato. Ma non lo era.”

Da leggere