I 10 comandamenti di una coppia con figli che funziona

Qualcosa è cambiato nella coppia con l’arrivo dei figli? Ecco come ritrovare la serenità in poche mosse ed essere una famiglia unita e felice.

Una relazione attraversa moltissime fasi, quando poi arrivano i figli oltre ad una grande gioia si assiste ad un inevitabile stravolgimento totale del rapporto e riprendere in mano la situazione è molto complicato. Per fortuna esiste un vademecum e noi siamo pronti a trasferirti 10 consigli essenziali per far sopravvivere la coppia ai figli.

famiglia
Photo FreePik

Coppia con figli, come ritrovare l’armonia e resistere al tempo

Esiste una formula magica per far funzionare tutto? Famiglia, lavoro figli… è possibile essere felici e sentirsi gratificati su ogni fronte? Spesso a causa dei nostri mille impegni tendiamo a trascurare la vita di coppia, un errore che può costare parecchio e portare persino alla separazione.

Conciliare la vita familiare e di coppia è possibile e lo dimostra il romanzo di Jean-Sébastien Hongre.

Noi ci siamo ispirati a questo romanzo meraviglioso in cui i protagonisti per sopravvivere al tempo hanno stabilito la loro personale Costituzione della coppia, con tanto di articoli di legge e se ha funzionato per loro perché non provarci anche noi?

Frank e Amais avrebbero trovato la formula magica che permette alla coppia di vivere sereni e godere di un rapporto saldo.

Sono una coppia come tante altre, hanno due figli e stanno insieme da oltre 20 anni. La vita di coppia non è stata semplice, anche loro hanno attraversato alti e bassi ma si sono ben difesi dandosi delle regole di vita, racchiuse in una Costituzione della coppia con tento di dieci articoli di legge.

LEGGI ANCHE—> Perché quando si ha un figlio non si fa più l’amore? Come riuscire a ritrovare l’intimità nonostante si sia in 3

Quando si sono fidanzati avevano circa 30 anni e sapevano benissimo che decidere di condividere una vita insieme non sarebbe stato poco problematico, così Franck e Anaïs decisero di non farsi cogliere impreparati dagli eventi e di non lasciare che la vita di tutti i giorni li divorasse. Hanno anticipato le difficoltà consapevoli che la passione e l’entusiasmo dei primi tempi li avrebbe abbandonati e che avrebbero dovuto avere un piano di riserva.

Una regola essenziale che spesso viene trascurata è la condivisione dei compiti. Spesso il fatto di non separare le responsabilità e decidere chi si occuperà di cosa è una delle principali cause di liti frequenti. Meglio impiegare le nostre forze in modo costruttivo e non lasciare che finiamo per occuparci in due delle stesse cose trascurandone altre. Punto cardine di questa regola: se uno dei due è responsabile di una attività, l’altro deve esonerarsi dal giudicare e criticare il modo in cui viene svolta questa attività. In questo modo, programmando gli impegni di ciascuno si trova il tempo per trascorrere del tempo insieme. Questione di logistica!

famiglia
Photo FreePik

Un’altra regola che dovrebbe essere contemplata per la sua importanza è: Perdona l’altro e perdona se stesso. Nessuno di noi è perfetto, abbiamo tutti modi discutibili, vorremmo essere perfetti ma la realtà è che questo requisito è impossibile da raggiungere ed è frustante a meno che non impariamo ad accettare le nostre debolezze e quelle dell’altro.

La regola preferita dalla coppia dedicate alla coppia una sera alla settimana, un fine settimana al mese e una settimana all’anno!

Usate questo tempo per voi, non è ammesso parlare di problemi, di figli, ma solo di se stessi per comprendersi per allinearsi.

Nel romanzo, Franck e Anaïs fanno una cosa molto interessante: non escono di casa insieme ma si incontrano al ristorante.

Sembra un appuntamento, lui l’aspetta e non sa cosa indosserà, questo la rende molto desiderabile agli occhi del marito.

Tra tutti gli articoli della costituzione quello che maggiormente colpisce forse è l’articolo 3:  Non avere alcun obbligo nei confronti dell’altro.

Questo articolo ha suscitato molte polemiche tra i lettori del libro, come si fa a non avere obblighi verso l’altro? In realtà il fatto di non sentirsi obbligati non fa vedere le cose che facciamo per l’altro come un sacrificio ma come un atto d’amore.

Nel romanzo Franck sa di avere come madre una donna insopportabile ma è pur sempre sua madre ed è la nonna dei suoi figli e vuole che abbiano un rapporto. Inizialmente voleva andare a far visita a sua madre con tutta la sua famiglia poi decidono che non vi era alcun obbligo per Anais di andare con loro. Nei giorni in cui non aveva voglia, Anaïs era libera di restare a casa e sfruttare quel momento per dedicare tempo a se stessa.

“Se vuole venire è ben accetto, altrimenti non è un obbligo” questo modo di pensare facilita la relazione per una moltitudine di altre cose.

Infine ecco l’intera costituzione della coppia di Franck e Anaïs:

Articolo 1: Non criticare mai l’altra persona quando si prende cura del bambino
Articolo 2: organizzarsi per suddividere i compiti
Articolo 3: non avere alcun obbligo nei confronti del partner
Articolo 4: rifiutarsi di lasciare che il bambino sia Re
Articolo 5: non dirsi tutto
Articolo 6: resistere alle tentazioni
Articolo 7: incontrarsi da innamorati una sera alla settimana, un fine settimana al mese e una settimana all’anno
Articolo 8: educare i figli a dispetto dell’ambiente, e spesso contro di esso
Articolo 9: prendere insieme le decisioni che riguardano i bambini
Articolo 10: accettare le debolezze dell’altro, sostenerlo in tutto

Da leggere