Piante grasse in casa? Ecco come prendersene cura

Se volete far vivere a lungo le piante in casa prestate attenzione. Scopri come curare le piante grasse in casa seguendo qualche piccolo consiglio.

In casa si sa che le piante non dovrebbero mai mancare non solo fanno da decoro abbellendo sia la casa che l’esterno, ma apportano diversi benefici.

Tra le diverse piante che si possono collocare in casa sono le piante grasse, piante molto resistenti e facili da curare e non richiedono molta attenzione. Infatti sono tra le piante consigliate soprattutto per chi non ha il pollice verde, ma richiedono comunque cura.

Le piante grasse si adattano a quasi tutti gli ambienti, ma se volete tenerle vive e in salute a lungo dovreste prestare la giusta attenzione.

Piante grasse
Foto:Pixabay

In questo modo le vostre piante grasse saranno non solo belle ma doneranno un tocco particolare ai vostri ambienti, ma apportano tanti benefici alla nostra salute perchè purificano l’aria
Noi di CheDonna.it vi diamo alcuni consigli su come curare le piante grasse in casa.

Come curare le piante grasse in casa

Se volete avere le piante grasse in casa sempre belle e perfette,  possono essere di diversa forma e colore, donano un aspetto unico e particolare alla vostra casa. Quindi è importante prendersene cura, basta seguire qualche piccolo suggerimento, ecco quale.

-Temperatura da rispettare. Le piante grasse sono adatte agli ambienti interni e resistono alle condizioni più sfavorevoli, ma se le temperature sono troppo basse come 8-12° e vivono al buoi iniziano a risentirne. La temperatura ideale è compresa tra i 18 e i 20 gradi.

-Attenzione al vaso. Il vaso che contiene la pianta deve avere un foro di drenaggio sul fondo e almeno 4 cm. di profondità.

-Amano la luce. In particolar modo le piante grasse succulenti come cactacee, aloaceae, agavaceae e crassulae, quindi collocatele in un punto della casa dove arriva il sole. Ma non collocate vicino a fonti di calore come termosifone e ne vicino a correnti d’aria molto fredda.

-Non innaffiarle spesso. Le piante grasse come si sa non amano molta acqua quindi non vanno innaffiate tutti i giorni, una sola volta a settimana va bene. Basta fare una prova, toccate il terreno se è ancora umido aspettate qualche giorno, se è secca procedete. Se volete essere sicuri di innaffiare al meglio le piante grasse acquistate un misuratore di umidità, così da poter monitorare la quantità di acqua presente.

-Pulire la pianta. Sembrerà banale, ma se si accumula troppa polvere la pianta non crescerà correttamente. Inumidite un batuffolo di cotone e pulite delicatamente la pianta, se presenta spine, potete facilitare l’operazione con un pennellino.

-Non dimenticare di ruotare il vaso. Per evitare che il sole possa illuminare solo un lato della pianta e compromettere la crescita della pianta, un paio di volte al mese ruotate il vaso.

-Rimuovere eventuali foglie macchiate. In questo modo la pianta crescerà meglio, non solo anche ci sono fiori appassiti e zone della pianta colpite da parassiti, che potrebbero danneggiare tutta la pianta.

-Concime. Parlatene con il vostro fioraio di fiducia, occorre un pò di concime così da migliorare la crescita delle piante, visto che apporta sali minerali importanti alla pianta. Solo in questo modo la pianta crescerà bene.

Piante grasse
Foto:Pixabay

Ricordate che le piante grasse hanno bisogno di rinvasi anche dopo un paio di anni, così si rinnoverà il terriccio, ma fate un’attenta osservazione visiva del terreno, se sono presenti degli insetti. In questo caso lasciatevi consigliare dal fioraio come procedere, poi aggiungete anche della sabbia. Non solo per far si che le piante grasse crescano bene, tagliate eventuali radice secche.

Inoltre le piante grasse apportano diversi benefici, scopriamo quali.

 

Da leggere