Cocktail mimosa: come preparare l’aperitivo perfetto per la festa della donna

La festa della donna è alle porte e per celebrarla ecco un aperitivo ideale per l’occasione: il cocktail mimosa, un tripudio di giallo accesso e bollicine. 

cocktail mimosa
Foto da Canva

Pronte per celebrare la festa della donna? Anche se dobbiamo restare a casa nessuno ci vieta di regalarci un fresco drink perfetto per l’occasione.

Ecco che allora vi suggeriamo la ricetta del cocktail mimosa un aperitivo ideale da servire l’8 marzo, leggero, profumato e soprattutto a base di bollicine.

Scopriamo di più su questo fresco cocktail, come si preparare e qualche piccolo dettaglio e accorgimento per realizzare un drink perfetto.

Ecco la ricetta del cocktail mimosa

pixabay

Innanzitutto scopriamo come nasce il cocktail mimosa, un drink amato e conosciuto in tutto il mondo. Sembra che le sue origini risalgano a un barman francese dell’Hotel Ritz di Parigi nel 1925. 

Il nome mimosa è dovuto proprio al fatto che la bevanda ricorda nel colore l’omonimo fiore. Solo pochi anni prima però a Londra era stato inventato un cocktail quasi uguale il Buck’s Frizz dal nome del locale in cui prese vita. Cambiava solo la quantità degli ingredienti.

E se in Italia il cocktail Mimosa è considerato un aperitivo alla stregua del Bellini, a base di succo di pesca o del Rossini, di fragole, nei paesi d’oltreoceano si è soliti consumarlo anche durante i brunch domenicali come alternativa al succo d’arancia.

Già perché il cocktail mimosa è a base di prosecco e succo d’arancia, ovviamente meglio ancora se realizzato con arance fresche appena spremute piuttosto che con il succo di frutta confezionato.

Scopriamo allora i segreti per realizzare un perfetto cocktail mimosa. 

Ingredienti per 2 persone

  • 2 arance (circa 150 ml di succo)
  • 150 ml di prosecco
  • ghiaccio q.b.
  • fetta d’arancia

Preparazione

Le dosi del prosecco e dell’arancia dovranno essere all’incirca le stesse. Detto ciò possiamo scegliere sia il prosecco che un vino bianco frizzante, altrimenti se vogliamo fare le cose in grande possiamo optare anche per uno champagne, questo dipende ovviamente dai vostri gusti.

Iniziamo lavando le arance e spremendo il succo che andremo a filtrare con un colino. Quindi mettiamo il succo d’arancia in frigorifero in un contenitore ermetico, per evitare che l’arancia si ossidi stando all’aria,  e lo lasciamo raffreddare un po’. Meglio ancora se abbiamo del ghiaccio così potremo saltare questo passaggio.

A questo punto prendiamo i flute e versiamo all’incirca 75 ml di prosecco su ciascuno di essi e poi altri 75 ml ciascuno di succo d’arancia filtrato. Aggiungiamo un cubetto di ghiaccio a piacere e una fetta d’arancia e serviamo subito.

Possiamo accompagnare questo gradevole drink a degli stuzzichini e per concludere non resta che servire una torta mimosa: scopri gli errori da non commettere quando la prepari.