Francesco Renga chi è: età, altezza, carriera, vita privata e Instagram

Francesco Renga
Fonte Instagram: @francescorenga

Francesco Renga chi è? Tutto quello che c’è da sapere tra età, carriera, vita privata e esperienza a Sanremo

Francesco Renga è un cantante italiano di 50 anni. Lui è nato il 12 giugno 1968 ad Udine con il nome di Pierfrancesco Renga. È venuto al mondo nella città friulana per caso, infatti, il papà si trovava là per lavoro poiché in servizio ai valichi dell’ex Jugoslavia essendo maresciallo della Guardia di Finanza. Francesco è cresciuto a Brescia insieme al papà, la mamma Jolanda, di origine sarde, il fratello maggiore Stefano e la sorella gemella Paola. Ha due figli, JolandaLeonardo avuti dall’ex moglie Ambra Angiolini. Francesco ha coltivato fin da piccolo la passione per il canto, forgiando e perfezionando sempre di più quella voce intensa e calda che è la sua caratteristica principale e che lo rende inconfondibile.

Nome: Pierfrancesco Renga
Data di nascita: 12 giugno 1968
Età: 50 anni
Segno zodiacale: Gemelli
Professione: Cantante
Titolo di studio: Diploma
Luogo di nascita: Udine
Altezza: 178 cm
Peso: 79 kg
Account social: Instagram, YouTubeFacebookTwitter
Sito Web: http://francescorenga.it/ita/

Francesco Renga: vita privata e curiosità

francesco renga the voice 2018
Francesco Renga

Francesco Renga ha avuto una relazione molto lunga con Ambra Angiolini, è durata 11 anni ma il loro amore è finito nel novembre 2015. Nonostante la separazione Francesco Renga e Ambra Angiolini hanno mantenuto ottimi rapporti, e in un’intervista a Vanity Fair il cantante ha raccontato: “Io e Ambra ci siamo sempre divisi in egual misura i compiti. Nel momento in cui non lavoriamo, facciamo i genitori a tempo pieno. Cucinare, vestirli, metterli a letto: la vita normale che abbiamo voluto per loro. Per questo abbiamo deciso di vivere in provincia, avevamo voglia di avere una vita tranquilla per noi e per i nostri bambini.” Infatti Francesco ha avuto due figli da Ambra: Jolanda nata nel 2004 e Leonardo nato due anni più tardi nel 2006.

Il cantante, dal 2016, è legato a Diana Poloni, ristoratrice bresciana conosciuta subito dopo la separazione. Renga e Diana sono molto felici e sognano di poter allargare la famiglia. I due preferiscono però vivere la loro storia lontani dai riflettori, anche se i paparazzi li hanno più volte sorpresi insieme.

Lui ama trascorrere il proprio tempo con i suoi figli e cucinare per loro. In particolare, il suo piatto forte è il ragù. Due dei suoi migliori amici sono Nek e Max Pezzali.

Francesco Renga: carriera

Francesco Renga si appassiona alla musica fin da bambino e all’età di 16 anni fonda la band Modus Vivendi, insieme ad alcuni amici. Il cantante anche se ancora adolescente ha già un’ottima presenza scenica e pertanto decide di partecipare ad un concorso tra band bresciane dove ha conosciuto i Precious Time, in seguito divenuti i Timoria con cui Francesco ha modo di collaborare agli inizi della sua carriera e dove resterà per ben 13 anni diventato il loro cantante.

Con i Timoria, Renga pubblica nel 1990 il suo primo album ufficiale, Colori che esplodono, in cui già si fa notare il suo timbro vocale. L’anno successivo, nel 1991 prendono parte al Festival di Sanremo nella categoria giovani vincendo il Premio della critica con il brano L’uomo che ride e che sarà presente nel loro secondo disco: Ritmo e dolore. Con 2020 Speedball ottengono il disco d’oro grazie anche alla vendita di oltre 40.000 copie. Nel 1997 iniziano i primi dissapori tra Renga e il chitarrista Omar Pedrini che porterano al suo abbandono del gruppo.

Dopo la rottura con i Timoria, Francesco viene anche visto come il possibile sostituto di Piero Pelù nei Litfiba, che nel frattempo aveva lasciato il gruppo. Ma così non è stato infatti ha deciso di continuare la sua carriera come solista.

Nel 2000 Renga fa il suo debutto da solista con l’uscita dell’album omonimo Francesco. Da allora il cantante inizia a farsi conoscere sempre di più e le canzoni sono un successo dietro l’altro. L’anno successivo, nel 2001, partecipa al Festival di Sanremo, sempre nella categoria Giovani, con il brano Raccontami grazie al quale vince un premio della critica. Nel 2002 esce l’album Tracce e partecipa al Festival di Sanremo Big con Tracce di Te. Successivamente dopo due anni di pausa Renga pubblica nel 2004 il suo terzo album di inediti Camere con vista.

Nel 2005 Renga vince la 55esima edizione del Festival con la canzone Angelo e da lì il successo di Francesco si consolida.  Nel 2007 viene pubblicato Ferro e cartone, quarto album del cantautore. Nello stesso anno esce anche il primo libro di Francesco Renga, intitolato Come mi viene – Vite di ferro e cartone. Partecipa ad altre due edizioni del Festival: nel 2009 con “Uomo senza età” e nel 2012 con “La tua Bellezza“. Nel 2014 tona sul paco dell’Ariston con i brani A un isolato da te e Vivendo adesso, quest’ultimo scritto da Elisa e classificatosi quarto. Nel 2015 è giudice ad Amici. Nel 2016 esce il singolo Guardami Amore che anticipa il disco Scriverò il tuo nome. Nel 2017 incide il brano Duri da battere, insieme a Nek e Max Pezzali. Nel 2018 partecipa come super ospite alla quinta puntata del 68º Festival di Sanremo, cantando insieme a Claudio Baglioni, Nek e Max Pezzali il brano Strada facendo. Nel 2019 partecipa un’altra volta al Festiva di Sanremo con il pezzo Aspetto che torni.

Francesco Renga a Sanremo 2019 con ‘Aspetto che torni’

festival di sanremo 2019

Francesco Renga partecipa al Festival di Sanremo 2019, con il brano ‘Aspetto che torni’, si tratta di una canzone intensa e ricca di grandi emozioni. Racconta di un nuovo amore, di una nuova prospettiva di vita, delle presenze e delle mancanze. È un’intensa istantanea del Francesco di oggi. Sulla sua partecipazione a Sanremo, in un’intervista per TV sorrisi e canzoni ha rivelato: “Non è una coincidenza il fatto che sia qui oggi. Ognuna delle mie partecipazioni in gara è legata a un momento centrale della mia vita”

Qui sotto vi lasciamo il testo del brano:

IIo che guardo sempre il cielo
E sogno ancora di volare
Ogni volta più lontano e poi
Non so più come tornare
Con un poco di fortuna
E due stelle da seguire
Ho trovato le tue braccia ad aspettare.
Cerco ancora nei miei occhi
Il sorriso di mia madre
Mi manca da trent’anni e

Vorrei dirle tante cose
Che mio padre adesso è stanco.
E forse sta per arrivare
Che la ama più di prima
Ed è l’unica cosa che sa ricordare

C’è un universo che mi riempie le mani
Il mondo si perde
Tu invece rimani
C’è un mare dentro negli esseri umani
Aspetto che torni stasera
Per stare con te

Oggi voglio camminare
Come un treno sui binari
Diventare un’emozione che attraversa i tuoi pensieri
E seguirti tra le cose che ogni giorno devi fare
Come vento per poterti accarezzare
E guardarti mentre dormi
Che mi sembra che sorridi

Ed entrare nei tuoi sogni
Di nascosto come i ladri
Per rubarti la bellezza
Che nemmeno sai di avere

C’è un universo che mi riempie le mani
Il mondo si perde
Tu invece rimani
C’è un mare dentro negli esseri umani
Aspetto che torni stasera

Sei l’ossigeno che cerco quando resto senza fiato
Il coraggio che mi serve quando sono disperato
La sorpresa che ogni volta
Mi fa sentire vivo
Tu sei
Tu sei
Tu sei
Tu sei

Un universo che mi riempie le mani
Il mondo si è perso
Tu invece rimani
Un mare dentro nei nostri destini
Io aspetto che torni stasera
Aspetto che torni

Francesco Renga a Sanremo 2021

francesco renga lutto
Foto Instagram da https://www.instagram.com/francescorenga/

Renga partecipa al Festival di Sanremo 2021 con il brano Quando trovo te. Ecco il testo:

Guarda un po’ la mia città è insonne
E ha smesso di sognare
Come mai nessuno ora lo ammette
Gente che taglia le ombre
Mentre il traffico ancora riempie
Spazi immensi di solitudine
Questa volta ho come l’impressione
Che la speranza abbia cambiato umore.
E la mia testa non ne vuole più sapere
Di stare ferma e io continuo ancora a camminare
Si bagnano anche gli occhi, forse piove
E lo sguardo che segue il tragitto di un cane
E va a finire che
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
La verità in un mondo immaginario
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Questa città confonde
Di luci sempre accese
Dicono che tornerà sereno a fine mese
Io sempre fuori stagione
E la tua testa non ne vuole più sapere
Di stare ferma e quel silenzio dentro fa rumore
All’improvviso torno a respirare
Una stanza, due sedie, la cena, un film
Qual è il finale?
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
Tra mille note in volo un suono nuovo
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Tu che dormi sul divano
Quando resta sulle mani
Il tuo profumo
Le tue cose fuori posto
Quelle scarpe sulle scale
Mi portano da te
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
La meraviglia di ogni giorno nuovo
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Solo quando trovo
Trovo te.