Igiene intima femminile: tutto quello che devi sapere

L’igiene intima di noi donne è importante non va mai sottovalutata, ma a volte si possono commettere errori, scopriamo quali.

igiene femminile
Foto:Adobe Stock

La cura e la bellezza del corpo è importante e non va mai trascurata, in particolar modo l’igiene intima femminile. Cattive abitudini, stress e non solo possono influenzare negativamente e potrebbe determinare infezioni, bruciore e irritazione con il passar del tempo. L’igiene intima è molto importante, si possono commettere errori che possono causare disturbi genitali di vario tipo.

Noi di CheDonna.it vi diamo qualche consiglio a riguardo sulla corretta igiene intima femminile.

Igiene intima femminile: tutto quello che devi sapere

consigli igiene intima
Foto:Adobe Stock

La cura dell’igiene intima femminile è importantissima, ogni donna dovrebbe porre attenzione così da non ricadere in errori che possono determinare disturbi genitali come prurito, bruciore, quindi cerchiamo di capire come prendersi cura. Abitudini sbagliate e frequenti che si devono evitare assolutamente, vi sveleremo alcune dritte da seguire così da garantire un’igiene intima impeccabile. Il primo consiglio in assoluto è di seguire annualmente una visita dal proprio ginecologo, non solo di contattarlo ogni qual volta avete un problema, quindi non trascuratevi mai!

-Sottovalutare un odore intimo sgradevole: può capitare di percepire un cattivo odore, ma non va preso sotto gamba il problema. Dietro a un odore sgradevole ci possono essere dei disturbi come l’alterazione del pH della zona intima, quindi non vi resta che contattare il ginecologo e spiegare l’accaduto.

-Un detergente vale l’altro: lavarsi con il primo detergente che avete in bagno senza leggere bene se è adatto per igiene intima non va bene. Il detergente deve essere specifico per le zone intime e non solo deve mantenere equilibrato il pH senza farlo alterare.

-Lavarsi spesso: potrebbe sembrare un controsenso, l’igiene intima è importante ma non bisogna neanche esagerare con la detersione. Tenete conto che lavarsi spesso durante l’arco della giornata è un errore soprattutto se fatto con saponi troppo aggressivi o non specifici per le parti intime. Le conseguenze più comuni sono formazione di cattivo odore, secchezza o candidosi.

-Biancheria intima non adatta: si devono scegliere sempre capi intimi di cotone che traspirano così da non creare umidità nella zona intima. Concedersi ogni tanto una lingerie in pizzo e non cotone va bene l’importante è che non diventi abitudine.

– Indossare sempre o spesso il salvaslip: ogni tanto non accade nulla ma se diventa un’abitudine non va bene. Purtroppo il salvaslip potrebbe favorire la sudorazione causando  non solo un cattivo odore ma anche bruciore e irritazione.

-Indossare assorbenti di bassa qualità o interni: in caso di ciclo mestruale è necessario prestare attenzione. Purtroppo in questo periodo il pH delle parti intime si altera e si percepisce un odore sgradevole. Quindi è necessario maggiore igiene e cambio frequente dell’assorbente, ma utilizzate detergenti specifici per questi giorni. Una buona soluzione sono gli assorbenti in cotone, che permettono la traspirazione, in questo modo si va ad impedire la diffusione dei batteri. Invece non si consiglia l’utilizzo frequente degli assorbenti interni in particolar modo di notte.

-Depilazione totale: è importante mantenere la zona intima pulita e ben detersa ma è sconsigliata una depilazione totale. I peli in questa zona svolgono un compito importantissimo proteggono dall’attacco e dalla proliferazione di virus e batteri.  Ecco come depilarti correttamente con questo trucco.

-Lasciare umida la zona: errore comune a molte donne è lasciare umida la zona dopo il lavaggio. Spesso quando si va di fretta si può commettere questo errore. Dopo aver deterso la zona intima asciugate con un asciugamano di spugna o cotone, fate attenzione dovete asciugarvi davanti verso dietro, così da evitare il trasferimento dei batteri dalla zona anale in avanti.

Depilazione
Foto:Adobe Stock

-Snobbare le lavande vaginali: per alcune donne la lavanda vaginale si fa solo in casi particolari ma non è per nulla vero. Si consiglia dopo ogni ciclo mestruale, fare una lavanda vaginale così da eliminare eventuali residui o cattivi odori. Chiedete al vostro ginecologo quale scegliere, ma mi raccomando non è il caso di esagerare perchè potreste impoverire la microflora interna, non solo eliminerete i batteri “cattivi”, ma anche quelli “buoni”.

Ricordate che una visita periodica dal ginecologo è importante, inoltre per qualsiasi dubbio, problema, irritazione è necessario parlare con lui.